DELUSIONE ROSSA

"Con me in pista Quartararo non avrebbe potuto gestire. Non riesco a farmene una ragione": Bagnaia amaro

Il pilota piemontese fatica ad accettare la caduta che al Sachsenring è costata carissima alle sue chances nella ricorsa al titolo.

di
  • A
  • A
  • A

"Il presupposto è che sulla moto c'ero io e siccome sono caduto, vuol dire che ho sbagliato qualcosa, anche se non so spiegarmi cosa. Dai primi dati non i capisce granché. È inspiegabile. Forse la gomma posteriore non era in temperatura ma nel giro precedente ero stato molto dolce sul gas e nella guida. Mai vista una caduta così...!" Arrivano un paio d'ore dopo la caduta al terzo giro del GP di Germania le prime parole di Francesco Bagnaia, che fatica a darsi pace per la grande occasione sfumata al Sachsenting.

© Getty Images

"È molto difficile per me farmene una ragione, soprattutto al termine di un fine settimana così. Bisogna provare ad ogni costo a trovare un risvolto positivo. Oggi avremmo potuto lottare per la vittoria ma devo riconoscere che Quartararo in questo momento fa la differenza, è l'unico che riesce a guidare la Yamaha come va guidata. I casi erano due: partendo in testa e avrei provato ad allungare. Con Fabio davanti il piano era di non stargli troppo addosso, meglio non insistere. Non avrebbe comunque potuto gestire. Senza di me al suo inseguimento ha potuto tenere un ritmo più basso, che con me in pista non gli sarebbe bastato e magari avrebbe mandato in crisi la sua media. Alla fine però ha vinto lui".

Gigi Dall'Igna

"Analizzeremo i dati insieme a Bagnaia per capire le cause della caduta, adesso ho soltanto qualche sensazione, ma è giusto parlare dopo aver visto i dati".  

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti