MILAN

Milan, scatta l'allarme Suso: a rischio il riscatto del Siviglia

La squadra di Lopetegui, in crisi di risultati, perde terreno in classifica. E senza la qualificazione in Champions, l'esterno potrebbe non essere confermato

  • A
  • A
  • A

Quattro pareggi filati, di cui uno va detto con il Barcellona, e una sola vittoria dalla ripresa della Liga, per una classifica che si fa via via più preoccupante. Con un piede abbondante in Champions League fino a un mesetto fa, il Siviglia di Lopetegui rischia ora di rovinare l'ottima prima parte di stagione e di farsi recuperare dal Getafe, domani impegnato in una sfida decisiva contro la Real Sociedad, al quarto posto. A sette giornate dalla fine - sei per il Siviglia -, l'undici di Lopetegui mantiene 5 punti di vantaggio sul quinto posto del Getafe che, però, potrebbe domani arrivare a -2. Il che, manco a dirlo, rimette in discussione un'operazione di mercato fondamentale per il Milan, vale a dire il riscatto di Suso.  

Spieghiamo: a gennaio il Milan ha ceduto a titolo temporaneo Suso al Siviglia per 18 mesi ottenendo di inserire nell'accordo l'obbligo di riscatto, a una ventina di milioni circa, al verificarsi di determinate condizioni. Le condizioni erano in realtà una condizione sola: la qualificazione alla prossima Champions. Qualificazione che, appunto, mai come in questo momento torna a non essere per nulla scontata.

Ovviamente il Siviglia potrebbe decidere di riscattare Suso in ogni caso, ma anche qui i dubbi non sono pochi dato che, dopo un buon inizio, Suso ha infilato una serie di prestazioni negative che hanno convinto Lopetegui a preferirgli spesso Ocampos. Alla resa dei conti, insomma, sembra difficile che il suo score - un gol e un assist in 11 partite - possa essere sufficiente per convincere il Siviglia a spendere i 20 milioni previsti dall'accordo con il Milan, tanto più in un momento economicamente molto delicato come questo.

Inutile dire che il ritorno di Suso a Milano creerebbe non pochi problemi ai rossoneri, sempre alle prese con un bilancio da mettere a posto pur in un anno "franco" di Fair Play Finanziario. Il prossimo mese sarà dunque fondamentale. Il calendario è abbastanza favorevole al Siviglia, ma la Champions è ancora tutta da conquistare. E l'ombra di Suso comincia ad allungarsi sui conti di Gazidis

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments