MERCATO

Milan, il rinnovo di Romagnoli diventa un ‘caso’

Meglio accettare le richieste economiche di Raiola o cedere un giocatore apparso in difficoltà? I rossoneri verso il riscatto di Tomori

  • A
  • A
  • A

La premessa è che è troppo presto per dirlo, ma la sensazione è che quanto successo in Roma-Milan, con Fikayo Tomori che ha preso il posto di Alessio Romagnoli al centro della difesa rossonera, potrebbe essere un’anticipazione di quanto accadrà in estate in sede di mercato: Tomori in e Romagnoli out. Il club rossonero da settimane riflette sul futuro del capitano, che è in scadenza di contratto nel 2022, e dopo la gara dell’Olimpico sta prendendo sempre più corpo l’idea di spendere 28 milioni di euro per riscattare Tomori dal Chelsea a fine stagione.

Una mossa che evidentemente potrebbe mettere la parola fine all’esperienza in rossonero di Romagnoli, arrivato sei anni fa a Milano, proprio dalla Roma, per 25 milioni di euro. Maldini prima della gara coi giallorossi ha diplomaticamente dichiarato che il rinnovo del capitano verrà discusso a suo tempo, i rapporti di Romagnoli con Pioli e con il resto del gruppo sono ottimi, ma se il Milan deciderà di puntare su Tomori il suo destino sembra segnato. Anche perché la trattativa con Raiola per il prolungamento non si annuncia facile: attualmente il numero 13 percepisce 3,5 milioni di euro l’anno e a 26 anni vorrebbe un aumento salariale importante, tra i 5 e i 6 milioni di euro. Una cifra importante che chiaramente richiede valutazioni attente, ma la sensazione è che il Milan ascolterebbe con attenzione eventuali offerte per la sua cessione in estate per una cifra intorno ai 20 milioni.

La situazione di Romagnoli, va detto, è comunque slegata da quella di Tomori. Con il diritto di riscatto già prefissato, il Chelsea infatti non può più fare marcia indietro e dunque la palla è esclusivamente nelle mani del Milan e del giocatore. Come si diceva però è ancora molto presto, questi affari vengono definiti sempre a maggio inoltrato. Intanto in casa Milan si riflette e si pianifica.

Vedi anche Milan: lesione all'adduttore per Ibra, rischia almeno tre settimane di stop Calcio Milan: lesione all'adduttore per Ibra, rischia almeno tre settimane di stop

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments