MANOVRE ROSSONERE

Milan, per il difensore devi accelerare: Bremer il profilo ideale

Tomori deve operarsi, salterà Juventus e derby: a Pioli serve subito un centrale

  • A
  • A
  • A

L'ennesima tegola della stagione, Tomori deve operarsi e resterà fuori circa un mese, cambia i piani di mercato del Milan. O per lo meno ne modifica la velocità, perché nonostante le parole di Maldini ("Vista la solidità e affidabilità dei nostri difensori di riserva non è detto che arrivi qualcuno"), con i soli Gabbia e Kalulu a disposizione i rossoneri ora dovranno necessariamente rifugiarsi sul mercato per andare a prendere un centrale difensivo affidabile e pronto subito.

Getty Images

Con Kjaer ai box fino al termine della stagione e Romagnoli ancora fuori causa Covid, con lo Spezia lunedì toccherà ancora ai "difensori di riserva", ma Stefano Pioli ha bisogno di un'alternativa di valore e ne ha bisogno in fretta (prima della sosta c'è la sfida alla Juve e subito dopo il derby contro l'Inter).

Sfumato sembra quasi definitivamente Sven Botman per gennaio (il Lille chiede più di 35 milioni di euro), i rossoneri potrebbero tornare alla carica col Torino per avere subito Bremer, che conosce il nostro campionato e sarebbe un investimento importante anche in chiave futura, ma Cairo l'ha blindato e sarà difficile convincerlo a vendere (anche se i rossoneri potrebbero giocarsi la carta Pobega).

Altri due nomi caldi in questo momento sono quelli di Eric Bailly del Manchester United e Abdou Diallo del Psg, ma entrambi sono attualmente impegnati in Coppa d'Africa e quindi potrebbero essere disponibili solo a partire da febbraio inoltrato e in più dovrebbero adattarsi a un campionato nuovo. 

Nel mirino dei rossoneri restano anche Anel Ahmedhodžić, centrale classe ’99 nazionale bosniaco che quest'anno ha affrontato la Juve in Champions League con la maglia del Malmo FF, così come Senesi e Szalai, ma attenzione anche alla pista Nicolò Casale del Verona.

Difficile immaginare in questo momento il nome giusto per la difesa rossonera, anche perché come confermato da Maldini il Milan "viaggia a fari spenti", ma dopo il ko di Tomori una cosa è certa: Matteo Gabbia, che fino a qualche settimana fa sembrava in uscita per andare a giocare con maggiore continuità (Cagliari, Salernitana e Sampdoria avevano fatto dei sondaggi), di certo non lascerà Milanello a gennaio. 

Vedi anche Milan, lesione al menisco per Tomori: deve essere operato Milan Milan, lesione al menisco per Tomori: deve essere operato

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti