Roma, Nainggolan subito al Guanghzou per 50 milioni se si supera la luxury tax

Il belga ha un accordo con la squadra di Cannavaro, i cinesi devo pagare complessivamente fino a 94 milioni

  • A
  • A
  • A

Radja Nainggolan e la Roma non sono mai stati così distanti. Presto, entro la fine di gennaio, tra il belga e il club giallorosso potrebbero esserci oltre 8mila chilometri, ovvero la distanza che separa la capitale alla Cina. La trattativa per la cessione del belga al Guangzhou Evergrande, infatti, ha trovato il punto di svolta: il calciatore ha l'accordo con il club allenato da Cannavaro, ha avvisato Di Francesco, ed è pronto a lasciare la Roma, che a sua volta è disposta a cederlo per 50 milioni di euro.

Per la "grande cessione" è tutto apparecchiato, quindi. La permanenza del Ninja in giallorosso sta diventando più improbabile ogni giorno che passa. Il "pazzo Capodanno" e la punizione inflitta al centrocampista da Di Francesco, oltre alla necessità di fare cassa entro il 30 giugno per il Fair Play Finanziario, hanno imposto importanti riflessioni in casa Roma, e la coppia Monchi-Baldissoni ha deciso di accettare la montagna di soldi che arriverà dalla Cina. L'accordo è stato trovato a 50 milioni (12 netti all'anno al calciatore), ma il Guangzhou deve ancora confermare l'ultima offerta.

L'Evergrande, infatti, come tutti i club cinesi, deve mettere in preventivo una spesa praticamente doppia rispetto a quella investita per acquisire il cartellino del calciatore: se si superano i 6 milioni di spesa (e questo è decisamente il caso), bisogna pagare una cifra praticamente doppia perché serve versare una maxi percentuale alla Federcalcio cinese. Di fatto, si deve pagare la luvury tax, che ha come obiettivo quello di tutelare i prodotti dei vivai del Paese. Ecco, quindi, che Nainggolan verrebbe a costare 94 milioni complessivi, e non "solo" i 50 che verranno versati nelle casse della Roma. Una volta che il Guangzhou avrà fatto quadrare i bilanci, l'acquisto diventerà realtà. E Nainggolan darà il suo addio alla Roma.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments