Psg, Areola avverte Buffon: "Il titolare sono io". Attesa la sentenza Uefa su Gigi

In attesa di conoscere il destino di Buffon (nelle prossime ore la squalifica), si scaldano gli animi a Parigi

  • A
  • A
  • A

"Sono andato in prestito per tre stagioni e ho atteso il mio momento. Adesso il titolare sono io". Alphonse Areola è pronto a dare così il benvenuto a Gigi Buffon che, dopo aver detto addio alla Juventus dopo 17 anni, aspetta la sentenza della Uefa (la squalifica per il post Real-Juve è attesa per oggi) prima di trasferirsi a Parigi. Il Psg lo aspetta (biennale da 8 milioni a stagione), ma il portiere francese non ha alcuna intenzione di farsi da parte. Sempre che Buffon arrivi davvero. Il club di Nasser Al-Khelaïfi, infatti, attende le decisioni sul Fair Play Finanziario: probabilmente servono cessioni per 70-90 milioni.

Titolare in questa stagione ma con il rischio di vedersi superato nelle gerarchie. Nonostante davanti a lui potrebbe finire un'autentica leggenda del calcio come Buffon, Alphonse Areola non ci sta e reclama un posto in squadra. "Se c'è la possibilità di continuare a giocare nel Paris Saint-Germain, non esiterò a farlo: il mio obiettivo è quello di continuare a giocare, vincere trofei e crescere con questo club. Devi darti obiettivi, ambizioni, sogni. È importante essere in grado di progredire in questo sport e in questa professione" ha dichiarato Areola.

Questione portieri a parte, però, secondo quanto riportato dell'Equipe, nei prossimi giorni il Psg dovrà fare soprattutto i conti l'Uefa e il FFP. Venerdì verrà presa una decisione e le previsioni non sono rosee. Dopo le follie Neymar (222 milioni di euro) e Mbappé (in prestito ma con obbligo di riscatto da 180 milioni, da versare al Monaco in queste settimane), al Psg verranno chieste cessioni per 70-90 milioni entro il 30 giugno e solo allora saranno concessi movimenti in entrata.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments