Mercato ora per ora

L'INTER ANNUNCIA MARTINEZ: IL COMUNICATO

  • A
  • A
  • A
Ora per ora placeholder

"Il calcio è uno sport difficile da spiegare: tecnica e tattica sono fattori fondamentali, ma spesso a fare la differenza sono l'istinto e i sentimenti. Sono proprio queste le componenti che hanno segnato la carriera di Josep Martínez Riera, nuovo portiere nerazzurro. Nato il 27 maggio 1998 ad Alzira, nella Comunità Valenciana, il piccolo "Pepo" non si separa mai dal suo pallone fin dall'età di 3 anni. Una passione che lo lega strettamente al papà, che gioca come portiere a livello dilettantistico e amatoriale. L'esempio è evidente: l'istinto porta Martínez a buttarsi continuamente a terra con la palla, tanto da essere soprannominato "sigaretta". Un sentimento innato, un coraggio che non si può insegnare: Josep vuole impadronirsi del pallone ad ogni costo, anche a quello di rompersi diverse dita delle mani. A 5 anni entra nelle giovanili dell'Alzira: lui, cresciuto nella comunità valenciana, imita Santiago Canizares e ammira Iker Casillas. Per dodici anni gioca nella squadra della sua città, poi a 17 anni cresce improvvisamente di statura e viene notato dal Barcellona in un torneo giovanile. Nel 2015 arriva così nella cantera blaugrana, dove trascorre due anni imparando un nuovo stile di gioco, dove il portiere diventa un uomo in più nella costruzione del gioco. Nel 2017 passa al Las Palmas, giocando due stagioni da titolare in terza divisione con la seconda squadra della formazione di Gran Canaria, esordendo anche in prima squadra in Segunda Division nel 2018/19. La stagione successiva conquista definitivamente il posto da titolare in prima squadra: le sue ottime prestazioni attirano l'attenzione del Lipsia, che lo porta in Germania nel 2020. In Sassonia cresce ulteriormente: Lipsia è una tappa fondamentale della sua carriera, la grande scuola tedesca dei portieri gli permette di migliorare in altri aspetti del suo gioco, anche se in due stagioni colleziona solamente 4 presenze, una delle quali in Champions League nella partita vinta per 5-0 in casa del Club Brugge. In questo periodo gioca anche la sua prima partita con la Nazionale spagnola, entrando al 68' di un'amichevole vinta per 4-0 a Leganés contro la Lituania, l'8 giugno 2021. Dopo aver vinto la Coppa di Germania nel 2022 passa al Genoa, in Serie B. Nella prima parte di campionato non gioca con continuità, ma una straordinaria prestazione nella vittoria contro il Bari a dicembre gli regala definitivamente la titolarità tra i pali. È la svolta della stagione, per lui e per il Genoa: i rossoblù volano in classifica fino a conquistare la promozione in Serie A. Nel suo primo campionato nella massima serie italiana Josep stupisce tutti con le sue prestazioni: in 36 partite di Serie A colleziona 8 clean sheet, diventando uno dei protagonisti dell'incredibile stagione del Genoa, arrivato 11° con 49 punti. Pepe Mel, suo allenatore ai tempi del Las Palmas, l'ha definito "intuitivo, agile e forte nell'uno contro uno": Martínez è un portiere dotato di grande tecnica, abile nel gioco con i piedi e coraggioso in uscita. Qualità sviluppate grazie al suo istinto, lo stesso che da bambino lo spingeva a buttarsi a terra con il suo pallone: l'avventura nerazzurra di Josep Martínez, sesto spagnolo della storia dell’Inter, è appena cominciata".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti