Lukaku dice no a Solskjaer: vuole l'Inter e... si allena a parte. Ora i nerazzurri trattano direttamente con lo United

Intanto prosegue su un tavolo parallelo la trattativa per Dzeko per rispondere il prima possibile alle richieste di Conte

  • A
  • A
  • A

Antonio Conte vuole quanto prima una squadra completa. O per lo meno il più vicino possibile alla sua idea di Inter. Soprattutto per quanto concerne l'attacco, oggi in quel di Lugano quanto mai rimaneggiato. Perché, tra assenze giustificate (vedasi Lautaro Martinez) ed esclusioni eccellenti (Icardi), nel ritiro svizzero il tecnico nerazzurro si trova concretamente costretto a lavorare con un lontano abbozzo di quel che sarà (o spera possa essere) la sua nuova creatura.

Ecco dunque, l'accelerazione per Dzeko e Lukaku. Per il bosniaco, si sa, va limata la distanza con la Roma: 12 milioni l'offerta nerazzurra, posizionato sui 18 invece il club giallorosso, sei milioni che sono ancora tanti ma danno il segnale tangibile di un avvicinamento che, tenuto conto della volontà del giocatore, del suo contratto in scadenza, porterà in tempi non lunghi ad un accordo.

Il nodo più difficile da sbrogliare resta quello relativo a Romelu Lukaku. Come avevamo già anticipato, l'Inter ha finalmente deciso di sedersi al tavolo con la dirigenza del Manchester United, intavolando direttamente una trattativa che nelle settimane passate è stata sostanzialmente abbozzata attraverso l'operato di intermediari, creando qualche frizione con il club inglese. Il ds nerazzurro Piero Ausilio è dunque a Londra per capire se esiste un margine reale per portare il belga in Italia: a infondere fiducia tra i nerazzurri c'è la presa di posizione dello stesso Lukaku che ha nuovamente ribadito ad Ole Gunnar Solskjaer il suo no e la sua volontà di giocare in Serie A, vanificando così il tentativo del tecnico dello United di convincerlo a restare a Manchester almeno un altro anno. Fra l'altro, notizia di queste ore, il belga in ritiro con i Red Devils in Australia ha svolto oggi un allenamento lontano dal gruppo: solo lavoro in palestra, probabilmente per un piccolo problema fisico, inutile però rischiare qualcosa di peggio in un momento tanto delicato.

L'Inter è così pronta a presentare la sua offerta: 70 milioni pagabili in tre tranches. Con oggi si entra così nel pieno della trattativa. Difficile prevedere i tempi per una eventuale fumata bianca (lo United chiede 75 milioni di sterline e non sembra intenzionato a fare sconti). Fosse per Conte, però, 48 ore sarebbero già tante. Ma la pazienza è l'arma vincente di chi tratta.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments