Mercato

Godin in lacrime: "Ciao Atletico". Ora inizia l'avventura all'Inter

Il difensore uruguagio ha salutato i Colchoneros: "Siete la mia famiglia"

  • A
  • A
  • A

In lacrime, Diego Godin ha salutato così l'Atletico Madrid: "Saranno le mie ultime partite con la maglia dei Colchoneros". Davanti a una sala stampa gremita, dove hanno preso posto anche il presidente Cerezo, Simeone e molti compagni di squadra, il difensore uruguaino destinato all'Inter ha continuato con la voce rotta dal pianto: "Grazie a tutti, questo non è un club, ma una famiglia. Resterò per sempre tifoso".

Nove stagioni, otto titoli (1 Liga, 1 Coppa del Re, 1 Supercoppa Spagnola, 2 Europa League, 3 Supercoppe Europee), 387 partite, 27 gol fatti e una marea negati agli avversari: Diego Godin saluta ufficialmente l'Atletico Madrid, si prepara alla sua ultima apparizione davanti alla tifoseria colchonera (domenica al Wanda Metropolitano contro il Siviglia). Il suo passaggio all'Inter è cosa già nota da tempo, ma manca ancora l'ufficialità. Intanto Godin ha salutato i compagni, il Cholo Simeone e i tifosi.

Secondo quando rivelato qualche giorno fa da Cadena Cope, il 33enne uruguagio (che andrà a formare con Skriniar e De Vrij un trio di centrali di valore mondiale) si è legato ai nerazzurri per i prossimi tre anni con un ingaggio annuo di di 6,75 milioni di euro, ovvero il 35% in più di quanto gli riconoscevano i Colchoneros (5 milioni).

Lo scorso agosto era stato vicino al Manchester United: "Ho scelto di restare in quel momento, è stata una mia decisione e oggi non me ne pento. Rispetto alla scorsa estate non è cambiato niente, l'Atletico Madrid ha sempre avuto la mia priorità. Ho cercato di restare in questo club, ci siamo incontrati tante volte in questi mesi, ma chiaramente non abbiamo trovato un accordo per proseguire insieme. I cambiamenti ti fanno migliorare e crescere, non mi pento di niente. Sosterrò l'Atletico ovunque andrò".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments