dopo il vertice

Dybala e Mkhitaryan nomi caldi, Bastoni il sacrificato: nasce l'Inter del futuro

Rinforzi e cessioni, non il rinnovo di Inzaghi con già tutto deciso, sul tavolo del vertice andato in scena martedì con Zhang, Ausilio, Marotta e il tecnico

  • A
  • A
  • A

Cinque ore per costruire l'Inter del futuro, che punterà a ricucirsi lo scudetto sul petto - quello della seconda stella - e che dovrà recitare un ruolo di primo piano anche in Europa. Tanto è durato l'incontro tra il presidente Steven Zhang, il tecnico Simone Inzaghi, l'ad Beppe Marotta e il ds Piero Ausilio due giorni dopo la chiusura della stagione. Nel vertice non si è parlato del rinnovo di Inzaghi, che prolungherà fino al 2024 con opzione per il 2025 con ritocco dell'ingaggio da 4 milioni a 5,5 netti l'anno: appuntamento alla prossima settimana per l'annuncio. Il focus sui rinforzi, con i nomi caldi di Paulo Dybala ed Henrikh Mkhitaryan, quest'ultimo in scadenza con la Roma a giugno, e sulle cessioni, con la conferma che un big verrà sacrificato per dare ulteriore ossigeno alle casse del club nerazzurro: non Lautaro Martinez, che l'Inter vuole tenere, ma Alessandro Bastoni, l'indiziato numero uno a partire.

© Ansa

La dirigenza dell'Inter non ha dunque perso tempo e si è ritrovata subito per pianificare la prossima stagione. Capitolo rinforzi. Paulo Dybala su tutti. L'idea di vedere la Joya al fianco di Lautaro, che si cercherà di trattenere a tutti i costi a meno di offerte da capogiro, stuzzica non poco i vertici nerazzurri.

Vedi anche Inter, Zhang: "Inzaghi? Andremo avanti con lui. L'obiettivo è essere sostenibili e competitivi" inter Inter, Zhang: "Inzaghi? Andremo avanti con lui. L'obiettivo è essere sostenibili e competitivi"

L'argentino in scadenza con la Juve a giugno gradisce la destinazione e resta in attesa di un'offerta ufficiale: si ragiona sulla base di un triennale a 6 milioni di euro più bonus. Gli altri obiettivi sono Mkhitaryan, con la Roma che tornerà in pressing dopo la finale di Conference League per fargli rinnovare il contratto in scadenza di altri due anni, e Bremer del Torino, indipendentemente dalla partenza o meno di Bastoni. Sul difensore nerazzurro - valutano non meno di 60 milioni - ci sono il Tottenham di Conte e lo United di Ten Hag, cui piace molto il giocatore. Per il ruolo di vice Brozovic nel mirino c'è Asllani dell'Empoli.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti