DELUSIONE RED BULL

 Verstappen: "Puntavo alla pole, ho trovato... un blocco stradale". Perez: "Strano che Sainz mi sia venuto addosso..."

Il messicano sorpreso dall'incapacità di Sainz di evitare la sua Red Bull, il campione in carica "incassa" una seconda fila deludente.

di
  • A
  • A
  • A

"Credo di aver avuto un problema tecnico. Abbiamo sbagliato la scelta degli pneumatici e quindi la strategia. Stavo cercando di recuperare il tempo che avevo perso, al Portier ho cercato di anticipare la curva per spingere prima sull'acceleratore ma il posteriore - per via degli pneumatici, appunto - non ha avuto aderenza e l'ho persa, finendo contro le barriere... Sono rimasto sorpreso che Sainz mi sia venuto addosso". Spiega così Sergio Perez il convulso finale delle qualifiche monegasche, da lui innescato con l'incidente al Portier che ha di fatto impedito al suo compagno di squadra Verstappen di portare a compimento l'ultimo assalto alla pole o almeno alla prima fila.

© Getty Images

Di opinione completamente diversa riguardo alla strategia Red Bull è Max Verstappen che a caldo sbotta sull'incidente che ha messo fine alle qualifiche ma poi si ricompone e analizza lucidamente la situazione:

"Ovviamente non è andata come speravo. Stavamo migliorando, grazie ad alcune modifiche fatte nelle prove libere, che tra l'altro inizialmente non mi avevano soddisfatto. Quindi siamo tornati un po' indietro e siamo riusciti a trovare la strada giusta. Nel Q3, quando bisogna dare tutto, ho puntato su una strategia diversa rispetto al primo tentativo, nel corso del quale non ero riuscito ad estrarre il massimo dagli pneumatici. Stavo andando forte ma poi mi sono trovato davanti un vero e proprio blocco... stradale! La pole non era alla nostra portata ma la prima fila credo di sì. Monaco è così, dobbiamo accettarlo e guardare avanti. Per la gara, vediamo anche quali saranno le condizioni meteo. Speriamo di avere più fortuna. Altrimenti cercherò di portare a casa il maggior numero di punti. Certo che fin qui è stato un weekend complicato..."

© Getty Images

Alle spalle dei piloti di Ferrari e Red Bull, la pole... degli altri va a Lando Norris che un anno fa da identica posizione (all'interno della terza fila) riuscì a salire sul terzo gradino del podio:

"Eravamo in una specie di terra di mezzo: più veloci di quelli dietro ma sfortunatamente non abbastanza per poter sfidare Ferrari e Red Bull. Sono comunque riuscito a fare un buon giro, anche se non perfetto. Mi sono trovato bene con la mia macchina. Peccato appunto che ci sia mancato quel qualcosa in più per lottare con i primi quattro ma insomma, P5 va bene. Per salire di nuovo sul podio come l'anno scorso, partendo dalla stessa posizione, servirebbe che qualcuno davanti avesse dei problemi ma non faccio la ma gara sulla sfortuna altrui. Andiamo a caccia di punti pesanti per la classifica.  E comunque a Monaco non sai mai cosa aspettarti e cosa può succedere".

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti