FORMULA 1

Verstappen: "Avevo la vittoria in pugno, ma è inutile recriminare". Per Hamilton: "Colpo di sfortuna, ho inavvertitamente escluso i freni".

Tra accuse e scuse, i due grandi delusi del GP dell'Azerbaijan riflettono sulla loro domenica storta ma sono già pronti a voltare pagina.

  • A
  • A
  • A

"Sono molto frustrato e deluso per essermi dovuto ritirare a causa dello scoppio di uno pneumatico. È una vergogna. A volte si arriva ad odiare questo sport. Magari solo per alcune ore, poi tutto tornerà a posto. Fino a quel momento andava tutto bene. Avevo la vittoria in pugno, ma è inutile recriminare". Rispecchiano la delusione per una vittoria scivolata di mano quando era ormai nel cassetto le prime parole di Max Verstappen  dopo la disfatta personale di Baku, poi "salvata" dall'errore di Hamilton alla ripartenza.

"Naturalmente sono deluso. Era una gara molto facile, avevamo tutto sotto controllo ma stavamo correndo da molti giri con lo stesso treno di pneumatici hard. Però Non avvertivo vibrazioni o altro, niente di niente. È successo qualcosa di strano. Probabilmente Pirelli dirà che la colpa è di qualche detrito in carbonio, come ad Imola. Difficile controbattere. Il fatto è che non è successo solo a me, ma anche a Stroll. Ne parleremo ma so già come andrà a finire. Però è difficile da accettare: detriti in pista, solita storia".

Mentre l'olandese (parlando con un'emittente tv del suo Paese) insinua il dubbio di un difetto legato agli pneumatici italiani, l'altro grande deluso di Baku - stiamo ovviamente parlando di Lewis Hamilton - non può che fare "mea culpa" per l'esito disastroso di un weekend che il sette volte iridato era lì lì per trasformare inaspettatamente in quello del ritorno in vetta alla classifica generale.

"Naturalmente è frustrante. Abbiamo lavorato duramente per raddrizzare un fine settimana iniziato fuori dai primi dieci. Stava andando tutto bene, stavo lottando al meglio delle mie possibilità. Alla ripartenza, Perez si è mosso verso di me, io ho premuto praticamente senza accorgermene l'interruttore sbagliato (quello che regola la ripartizione della frenata, ndr) e fondamentalmente ho escluso i freni e sono andato dritto: è duro da accettare. Mi spiace molto per i ragazzi del team: un colpo di sfortuna, ma ormai è andata così: ci ricompatteremo e torneremo più forti".  

Ancora Verstappen:

"Abbiamo sprecato una grande occasione, quella di allungare in classifica, perché sappiamo bene che al ritorno su piste convenzionali la Mercedes tornerà sicuramente molto forte. Abbiamo comunque avuto fortuna con il "lungo" di Lewis alla ripartenza, che ci ha permesso di rimanere in testa alla generale ma non è andato come avremmo voluto. Oggi volevo davvero vincere per andare in fuga in classifica, e sarebbe stato importante per la squadra".

L'ultimo pensiero di Max è per il compagno di squadra. Complimenti sinceri ma... senza perdere di vista la "ragion di stato". Insomma, bravo Perez a sfruttare fino in fondo la giornata di libera uscita ma....

"Naturalmente sono contento per Sergio. Una doppietta Red Bull sarebbe stata meglio ma sono contento per lui, perché è un ottimo compagno di squadra, oggi era in grande forma e stava facendo molto bene il suo compito".

 

    

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments