MOTOGP

Polveri bagnate per il Diablo Quartararo, Martin studia da campione, applausi per Gardner e Acosta

L'ultima tappa del Mondiale è sopratttutto un ultimo giorno di scuola e dispensa voti alti ed un inevitabile... premio alla carriera. 

di
  • A
  • A
  • A

FRANCESCO BAGNAIA e DUCATI: VOTO 10 Non si erano mai viste tre Ducati sul podio a Valencia, maxi kartodromo storicmente poco adatto alla straripante potenza della Desmosedici. Da qui la doppia cifra per i piloti e gli uomini di Borgo Panigale, campioni del mondo Costruttori. Serve ora dare continuità all'ultimo show 2021, per poter ripartire l'anno prossimo da favoriti anche tra i piloti. Nessuno ha fatto i punti di Bagnaia nella seconda parte del Mondiale appena concluso: quattro vittorie, come Quartararo.

FABIO QUARTARARO: VOTO 6,5

Messo al sicuro il titolo a Misano-due, il Diablo ha un po' abbassato la guardia tra Portimao e Valencia. Già, ma la missione l'aveva completata con due turni d'anticipo, quindi bravo. Ed anche un po' ruffiano (nel senso buono) nel ruolo inedito di portabandiera di Valentino nel giro di rientro ai box. Nel 2022 sarà durissima ripetersi contro Bagnaia e la Ducati.

JOAN MIR: VOTO 7

Quello messo a segno l'anno scorso con il titolo poteva sembrare un exploit isolato per il catalano della Suzuki che però a Valencia ha chiuso il Mondiale sul terzo gradino del podio. fuori da giochi iridati di Quartararo e Bagnaia ma comodamente davanti al resto del gruppo e soprattutto al proprio compagno di squadra Alex Rins: con tutti i distinguo del caso, s'intende.

VALENTINO ROSSI: SENZA VOTO!

L'ultima esibizione è "oggettivamente" da sufficienza piena ma le pagelle valenciane sono per forza di cose soprattutto pagelle di fine stagione. Se poi, come nel caso del Dottore - sono le ultime... beh... più che un voto non ci resta che assegnare una laurea honoris causa che Vale può incorniciare e mettere in bacheca insieme alle nove vere, corrispondenti ad altrettanti titoli iridati.

REMY GARDNER E PEDRO ACOSTA: VOTO 10

L'australiano difende fin sul traguardo di Valencia i quattro punti necessari e sufficienti per vincere la volata finale della Moto2 sul compagno di squadra Raul Fernandez (VOTO: 9) e sale in MotoGP senza voltarsi indietro. Lo spagnolo non segna punti nella finale valenciana ma i 259 marcati in precedenza gli avevano garantito il titolo con discreto margine sul nostro DENNIS FOGGIA (VOTO 9 alla sua stagione).

HONDA HRC: VOTO 2

Alla tristezza di una moto abbandonata a se stessa (anzi due) dentro un garage ugualmente malinconico. Scena per la verità consueta in questi casi. Che Marquez fosse assente lo sapevamo tutti. Tanto valeva tenere giù la saracinesca ed evitare la fredda esibizione del mezzo senza chi gli dà vita ed emozioni. Di Marc ci sarà bisogno nel 2022 per movimentare la nuova sfida tra Quartararo e Bagnaia. Chissà se Pecco e il Diablo sono d'accordo... 

JORGE MARTIN: VOTO 8,5

Nel 2022 potrebbe lottare per un obiettivo ben più prestigioso del titolo di "Rookie Of The Year", intanto lo spagnolo di Pramac non sfigura in mezzo ai piloti factory Ducati sul podio di Valencia e chiude il Mondiale nella top ten della generale, dalla quale resta appena fuori il suo diretto rivale (tra gli esordienti, appunto) ENEA BASTIANINI (VOTO: 8), battuto di soli nove punti ma in sella ad una Desmosedici molto meno aggiornata di quella dello spagnolo.

 

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti