FORMULA 1

Michael Masi e Nikolas Tombazis assenti dal nuovo organigramma FIA: soluzione vicina per il caso-Hamilton?

Potrebbe essere ad una svolta il braccio di ferro tra Mercedes e FIA sulla conclusione del Mondiale 2021 un mese fa a Yas Marina.

di
  • A
  • A
  • A

Ad un mese di distanza dalla controversa conclusione del Mondiale 2021 ad Abu Dhabi  (era domenica 12 dicembre), il silenzio di Lewis Hamilton continua a far rumore, mentre perdura l'incertezza sulla sua partecipazione al Campionato del Mondo che scatta il prossimo 20 marzo in Bahrein. La soluzione del caso potrebbe però essere vicina, anzi lo è inevitabilmente. Nelle ultime ora fa discutere l'assenza di Michael Masi (ma anche quella di Nikolas Tombazis) dal nuovo organigramma  FIA.

Com'è noto, la Federazione Internazionale dell'Automobile ha da qualche settimana un nuovo presidente: si tratta di Mohammed Ben Sulayem che ha preso il posto di Jean Todt. Tra tante new entries nelle alte cariche della FIA stessa, nel settore "Single Seater" (monoposto) dello specchietto relativo alla "General Organisation" non compaiono più - attualmente, almeno - i nomi di Michael Masi e quello di Nikolas Tombazis. Al loro posto figura Peter Bayer, che è anche il nuovo Segretario Generale per il Motor Sport. Nell'organigramma precedente, il Direttore di Gara australiano e l'ex-ingegnere ferrarista greco figuravano come responsabili rispettivamente di Sporting Matters e di Technical Matters del settore monoposto, appunto. Potrebbe significare semplicemente che entrambi continueranno a svolgere le loro attuali funzioni, ma sotto una più diretta responsabilità dello stesso Segretario Generale oppure all'indomani di una ridefinizione delle rispettive competenze e responsabilità. Nel caso di Tombazis, non è da escludere un'assenza "temporanea", legata perlappunto alla riorganizzazione del suo attuale ufficio. Più misteriosa la "cancellazione" di Masi, viste le polemiche sul suo operato nel 2021,  soprattutto nel caotico GP dell'Arabia Saudita e poi nella "resa dei conti" di Abu Dhabi).

Secondo quanto riportano la BBC ed altre fonti, Mercedes (che nega però la circostanza) avrebbe chiesto la "testa" di entrambi per chiudere la vicenda Abu Dhabi e voltare pagina. L'ndagin della FIA sui "fatti" di Abu Dhabiè ancora in corso e potrebbe richiedere un paio di altre settimane per conoscerne lo sbocco. Storia vecchia, a dire la verità. Oppure la svolta, a questo punto dietro l'angolo, capace di cancellare qualsiasi dubbio... residuo sulla partecipazione del sette volte iridato Hamilton al Mondiale 2022. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti