GP PORTOGALLO F.1 LIBERE 2

Libere 2 Portimao: Hamilton e Verstappen in bagarre. Ferrari quarta con Sainz, Alonso quinto con l'Alpine!

La prima giornata di prove del GP del Portogallo si chiude con il migliore tempo del sette volte iridato nel secondo turno di prove libere.

di
  • A
  • A
  • A

Dopo i "tentennamenti" della mattinata, Lewis Hamilton sigla la miglior performance del secondo turno di prove libere davanti a Max Verstappen che ne tiene la scia (+0.143), mentre Valtteri Bottas scende in terza posizione (era stato il più veloce in FP1) e la Ferrari è di nuovo quarta, questa volta però con Carlos Sainz, a 360 millesimi da Hamilton. Primo acuto 2021 per Alpine: quinto tempo per Fernando Alonso (+0.383), sesto per Esteban Ocon davanti all'altra SF21 di Charles Leclerc (+0.523).

Il weekend di Portimao entra nel vivo, Lewis Hamilton entra... in temperatura tornando là dove gli compete. O meglio dove la sfida con Max Verstappen per il titolo gli impone di essere. L'olandese, secondo alle spalle di Valtteri Bottas in mattinata, questa volta si mette alle spalle il finlandese (terzo a 344 millesimi) e si mette in scia del Re Nero. Podio già "bloccato" per la terza prova del Mondiale?

C'è la Ferrari in agguato per provare ad ottenere il risultato sfumato ad Imola dopo la bandiera rossa provocata dalla carambola Bottas-Russell. nei primi due turni di prove libere la SF21 ha avanzato la propria candidatura ad un'altra prestazione tutta sostanza: il quarto tempo ottenuto da Sainz in FP2 (a soli 65 millesimi da Bottas) ha "copiato" l'identica performance mattutina di Leclerc che - al pomeriggio, appunto - ha ceduto allo spagnolo il nuovo fondo portato in Portogallo dalla Scuderia, scalando in settima posizione.

 

A separare le due Rosse nella FP2 sono state le sorprendenti Alpine A521 (letteralmente sbucate dal nulla o quasi di Sakhir ed Imola) con Fernando Alonso ed Esteban Ocon autori del quinto e del sesto tempo... da "proiezione terza fila" per la qualifica. Traguardo messo però nel mirino anche dalla coppia McLaren (Ricciardo ottavo, Norris 12esimo) e da Pierre  Gasly  (P11, ma era stato sesto al mattino), oltre che dal "disperso" Sergio Perez che dal terzo tempo della FP1 retrocede fino al margine meno nobile della top ten, anche se il distacco da Hamiton (679 millesimi) lascia al messicano buone prospettive appunto per una qualifica nelle prime tre fila peraltro... obbligata, guidando una Red Bull... da sfida per il titolo (Piloti e Costruttori). Detto del buon 13esimo tempo di George Russell (dopo i "fasti" imolesi invece Nicholas Latifi rientra nei ranghi-19esimo a separare le Haas di Schumacher e Mazepin), tra i "cattivi" del venerdì di prove dell'Algarve finiscono Sebastian Vettel (15esimo, ormai cronicamente dietro a Lawrence Stroll che è nono, con sei decimi di vantaggio sul tedesco) e poi un'Alfa Romeo che non va oltre il 16esimo tempo di Kimi Raikkonen ed il 17esimo di Antonio Giovinazzi, tornato al volante della C41 "prestata" nella FP1 a Callum Ilott: i lampi di competitività di appena un mese fa in Bahrain sono almeno per ora un lontano ricordo...

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments