Gran Premio Stiria F.1

GP Stiria: le due Ferrari ko al via. Hamilton vince il GP, Bottas completa la doppietta Mercedes

Le due Ferrari ko al primo giro del Gran Premio della Stiria dominato da Lewis Hamilton e dalla Mercedes che fa doppietta con Bottas

di
  • A
  • A
  • A

Lewis Hamilton vince dalla pole position il Gran Premio della Stiria davanti a Valtteri Bottas che nel finale attacca e supera Max Verstappen. Dura solo tre curve il GP della Ferrari: Charles Leclerc centra la SF1000 di Sebastian Vettel al tornantino in salita. KO immediato per il tedesco con l'ala posteriore divelta, appena dopo per il monegasco (che ammette il proprio errore) a causa del fondo danneggiato.  Quarto Alex Albon con l'altra Red Bull davanti a Lando Norris (McLaren).

Nel giorno della prima doppietta stagionale della Mercedes, la Ferrari vive una delle domeniche più nere e controverse della propria storia recente a causa del contatto al tornantino in salita(curva 3) tra Charles Leclerc e Sebastian Vettel, una manciata di secondi dopo il via. Il tedesco (autore di uno scatto al semaforo non proprio brillante) ed il monegasco (deciso a guadagnare subito posizioni)  riportano danni all'ala anteriore (Vettel) ed al fondo (Leclerc) tali da costringere entrambi alla resa pressoché immediata. Nel dopogara Charles ammette il proprio errore, che mette fine ad un doppio GP tra le Alpi austriache che al Cavallino Rampante ha regalato il secondo posto di Charles domenica 5 luglio, lasciando però in eredità pesantissimi dubbi sulla possibilità della Rossa e dei propri piloti di potersi inserire nella lotta per il Mondiale, per di più con il GP d'Ungheria già alle porte e la mancata verifica in gara (proprio a causa dell'incidente al via) della bontà degli aggiornamenti fatti arrivare in fretta e furia da Maranello per questa seconda tappa del calendario.

Lewis Hamilton intanto rimette in equilbrio (o quasi) la sfida interna Mercedes. Domenica scorsa pole e vittoria per Bottas, identico ruolino di marcia al GP della Stiria per Hamilton. Il sei volte campione del mondo, autore di una stratosferica pole nel diluvio, in gara non ha ugualmente avuto rivali. La testa del Mondiale Piloti la mantiene però il suo compagno di squadra per 43 punti  a 37. Lewis infatti domenica scorsa aveva chiuso al quarto posto... gara-uno di Spielberg. Per Valtteri una gara tutta alla rincorsa di Max Verstappen che, dopo aver provare a tenere il passo di Hamilton nella prima parte del GP, nel finale ha dovuto subire la rimonta della Freccia Nera di Bottas. Al primo attacco del finlandese (giro 66), Max ha risposto con la consueta cattiveria agonistica, ma al secondo (giro 67) ha dovuto cedere le armi, chiudendo il doppio appuntamento sulla pista di casa con un bilancio inferiore alle sue aspettative. La Red Bull piazza comunque Verstappen sul podio ed Alexander Albon (meno brillante rispetto a sette giorni fa) in quarta posizione: molto lontano dal suo capitano (che è sesto nel Mondiale con i 15 punti del terzo gradino del podio) e, nel finale, minacciato da Sergio Perez.

Tra  i protagonisti di un Gran Premio dall'avvio movimentato (dalla Ferrari), dallo svolgimento piuttosto lineare e  da un finale di nuovo da fuochi d'artificio, ci sono appunto Perez e Lando Norris . Il messicano della Racing Point (fuori ieri già al Q3 delle qualifiche) ha rimontato dalla 17esima fino alla quinta posizione con una serie di sorpassi adrenalici ai danni (tra gli altri) di Sainz, Stroll e Ricciardo ma nella classifica finale (dopo aver come detto avuto la peggio - ala anteriore danneggiata - nel duello ravvicinato con Albon per la quarta posizione) deve "accontentarsi" di bissare il sesto posto dello scorso weekend, sopravanzato nel rush finale da Lando Norris, che lo sopravanza all'ingresso dell'ultima curva prima della bandiera a scacchi. Perez guadagna comunque la quinta piazza della classifica piloti con 16 punti, due in meno di Leclerc. Davanti al ferrarista però, al terzo posto della generale (!) c'è proprio Norris, a quota 26 punti, undici meno di... Hamilton! Il giovanissimo pilota della McLaren vince ancora una volta il confronto interno con Carlos Sainz Jr. (ottimo terzo al via, solo nono al traguardo) e chiude la "campagna" austriaca aggiugendo questo quinto posto al clamoroso podio di domenica scorsa. In un finale da "mucchio selvaggio" per le posizioni in zona punti, da ricordare anche il settimo posto di Lance Stroll (in volata con Perez, a completare il buon risultato di squadra della Racing Point) e l'ottavo di Daniel Ricciardo, che nelle prove libere del venerdì era stato protagonista di una violenta uscita di pista. Segno di una Renault in crescita, nonostante il ritiro di Esteban Ocon (a lungo in bagarre con il proprio compagno di squadra) al 26esimo dei 71 giri i programma. 

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments