Michael Schumacher, l'intervista inedita del 2013: "Nel 2000 il Mondiale vinto più bello"

Il video pubblicato sul sito ufficiale. Si parla anche di Hakkinen e il suo idolo di infanzia

Michael Schumacher, l'intervista inedita del 2013: "Nel 2000 il Mondiale vinto più bello"

La famiglia di Michael Schumacher ha pubblicato sul sito del campione tedesco un'intervista inedita girata il 30 ottobre del 2013, poche settimane prima del grave incidente che lo ha colpito. A cinque anni di distanza il riserbo sulle condizioni di Schumi è massimo, ma in vista del 50mo compleanno (il 3 gennaio) il silenzio è stato rotto da queste immagini. Schumi parla del suo idolo, dei mondiali vinti e dei rivali in pista.

Il sette volte campione del mondo di Formula 1 si prestò a rispondere alle domande degli appassionati che, tra una curiosità e l'altra, gli chiedevano quale fosse il rivale più rispettato in pista o il Mondiale a cui tenesse di più. "Il campionato più emozionante fu quello vinto a Suzuka nel 2000 con la Ferrari - risponde Schumacher -. Il Cavallino non vinceva il titolo da 21 anni e anch'io non trionfavo da quattro. Finalmente vincemmo il campionato, un grande campionato".

In quell'anno la sfida fu con Mika Hakkinen e la sua McLaren, un avversario molto stimato dal campione tedesco: "Il rivale che ho rispettato di più in carriera è stato Hakkinen, sia per le grandi battaglie in pista che per una relazione molto solida anche una volta tolti i caschi". Parlando invece di idoli da bambino Schumi ha cambiato sport: "Quando ero piccolo in pista c'era Ayrton Senna o Vincenzo Sospiri, li ammiravo. Il mio idolo però era Harald "Toni" Schumacher perché fu un grande calciatore (portiere della Germania Ovest ndr)".

Nel video dell'intervista inedita poi Schumi fa un confronto tra la sua Formula 1 e quella attuale (al 2013) e spiega le difficoltà della carriera da pilota. "La F1 è molto dura, anche se prima lo era molto di più senza i limitatori di potenza, la direzione assistita e i vari aiuti elettronici. Però resta uno degli sport più duri che ci possano essere e necessita di una grande preparazione fisica. La chiave del successo però è volersi migliorare sempre. Io ho sempre pensato di non essere molto bravo come pilota, penso sia stata una chiave per diventare quello che sono diventato. Il talento è una cosa importante nel motorsport, ma devi saperlo coltivare e sviluppare".

Al giorno d'oggi le monoposto sono un fattore sempre più importante per il risultato finale di una scuderia o di un pilota, senza una macchina competitiva è difficile raggiungere la vittoria, però per Schumacher la cosa più importante resta il gioco di squadra: "I risultati arrivano se tutti lavorano bene nella stessa direzione. Da solo uno può fare fino a un certo punto, una squadra sarà sempre più forte. E la F1 è un lavoro di squadra".

TAGS:
Formula 1
Michael schumacher
Intervista
Ferrari

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X