McLaren, Ron Dennis sull'incidente di Alonso: "Ho sbagliato" 

Il manager: "Volevo essere onesto, ma non ci sono riuscito" 

  • A
  • A
  • A

La McLaren-Honda fa retromarcia sull'incidente di Alonso. A parlare è il manager Ron Dennis che si pente per aver negato la commozione cerebrale dello spagnolo: "Ho sbagliato a negare la gravità di Fernando. Non è stata la mia miglior performance, volevo essere apertamente onesto e non ci sono riuscito. Il mio obiettivo è cercare di esserlo il più possibile in futuro".

Alonso non c'è in Australia, ma sarà in Malesia: "Ci sono diverse complicazioni in seguito a una commozione cerebrale, difficile quantificarle, non è il mio campo. Non lo deciderò io ma per quello che posso saperne Fernando sarà in Malesia. Ho tutte le ragioni per credere che sarà così. Ho parlato con lui, ha detto che vuole correre là e spero che possa farlo, ma spetta a lui non a me deciderlo. Ora abbiamo una montagna a scalare. E siamo in procinto di farlo, saremo là dove dovremmo essere".

Fino a ora la McLaren aveva dato la colpa al vento, ma Jean Todt (presidente Fia) va all'attacco: "È tutto falso, tutto ciò che leggete sono falsità, finora non abbiamo una spiegazione chiara dell'accaduto perché gli esperti stanno ancora cercando di trovarla. Abbiamo bisogno di pazienza per capire cosa sia realmente accaduto".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments