F1, Verstappen: "Voglio il titolo"

Il pilota della Red Bull: "L'obiettivo è vincere il titolo. Io il nuovo Senna? Voglio essere me stesso, l'unico idolo è stato mio padre"

  • A
  • A
  • A

E' in arrivo una stagione importante per Max Verstappen, che potrebbe anche diventare il più giovane campione del mondo della Formula 1: "L'obiettivo è vincere il titolo, non penso alle statistiche - dice il pilota della Red Bull a La Stampa -. Se accetterei un'offerta dalla Ferrari? Non adesso. Sto con la Red Bull, è giusto essere leali con chi ti ha dato la possibilità di correre in F1 ma... Mai dire mai".

Il pilota olandese parla così della nuova stagione ormai in arrivo: "L'obiettivo è vincere il titolo, non penso alle statistiche. Non mi importa di diventare il più giovane. Per il campionato dobbiamo aspettare, ad essere onesti in questa stagione sarempo più vicini alla Mercedes, i motori si stanno sviluppando e anche la Ferrari sta diventando più competitiva".

Alcuni temono che tra lui e Ricciardo possa nascere una rivalità come quella dell'anno passato tra Hamilton e Rosberg: "Non penso - dice Verstappen -. Ci rispettiamo, riusciamo a ridere, abbiamo un buon rapporto e lavoriamo insieme. Naturalmente in pista siamo rivali e cerchiamo di batterci. Ho una guida aggressiva? Non ho mai dato retta alle chiacchiere. Questo è il mio modo di essere, sono cresciuto così, ho gareggiato per anni con i miei amici ed è sempre andata bene".

C'è chi definisce il baby pilota della Red Bull come il nuovo Ayrton Senna: "Io sono Verstappen. Il paragone mi lusinga, ma io voglio essere me stesso. L'unico idolo è stato mio padre, senza di lui non avrei avuto un volante in Formula 1. Ho iniziato a guidare quando avevo tre anni e lui mi ha sempre dato i consigli giusti".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments