FERRARI

Ferrari, l'incidente Leclerc-Vettel non distragga dal problema di prestazioni

L'auto-eliminazione al GP di Stiria fa rumore ma a Maranello devono lavorare sulla vettura. Binotto: "Forse errori di progetto"

  • A
  • A
  • A

L'autoscontro Leclerc-Vettel ha causato lo zero alla casella punti della Ferrari nel GP di Stiria ma, paradossalmente, potrebbe aver allontanato per qualche ora un problema ancora più grande che la Scuderia deve affrontare: quello delle prestazioni. La manovra azzardata del monegasco si inserisce in un momento già negativo per la Rossa, con in più la questione di un Vettel già appiedato nel 2021, ma i due stavano comunque lottando per posizioni di rincalzo, sperando nell'ennesima rimonta verso il podio dopo una cattiva qualifica.

Parafrasando il famoso detto cinese: se il dito è Lecerc, la SF1000 è la Luna. Perché è il progetto che non ingrana, sovrastato dalla Mercedes ma anche più lento di Red Bull e Racing Point (al netto delle proteste Renault). E suonano sinistre alcune parole pronunciate ieri da Binotto dopo la debacle: "Si può progredire solamente se uno alla base capisce dove sta il problema stesso. Può essere non per forza di una parte sola della vettura, potrebbe essere un problema di metodologia, di progetto alla base, di concetto".

Il team principal parla di possibili problemi "alla base del progetto", qualcosa che gli scontati e annunciati aggiornamenti potrebbero solo limitare, lasciando poche speranze anche per l'Ungheria e per il resto della stagione. Beffa nella beffa, la doppia eliminazione in Austria non ha consentito al team di analizzare i dati sui primi upgrade innestati sulla vettura, riservando al prossimo Gran Premio la patente dell'ennesima "prova". Sperando per la Rossa, che la direzione sia quella giusta.

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments