F1, Vettel torna a brillare: doppietta Ferrari a Singapore

Il ferrarista rompe il digiuno: Leclerc secondo davanti a Verstappen

di
  • A
  • A
  • A

Sebastian Vettel è rinato: sul tracciato "amico" di Singapore è tornato alla vittoria dopo più di un anno. Per il tedesco della Ferrari una strategia perfetta che gli ha permesso di superare Charles Leclerc e Lewis Hamilton con un pit stop anticipato. Il quattro volte campione del mondo poi si è difeso dagli attacchi del compagno monegasco secondo al traguardo. Terzo Verstappen (Red Bull) davanti ad Hamilton (Mercedes). Giovinazzi a punti: decimo.

La stoffa del campione. Sebastian Vettel ha risposto alla grande a tutte le critiche dopo il periodo nero e il doppio errore di Monza. Trecentonovantadue, 392, giorni dopo il tedesco ha rotto il digiuno ed è tornato sul gradino del podio in un GP pazzo, difficile da decifrare, e lungo 2 ore. Seb ha guidato alla grande, già durante le qualifiche, e poi ha costruito il successo grazie a una strategia perfetta. Un "undercut" che ha fregato Hamilton e anche il compagno Leclerc, piuttosto indispettito e deluso nei team radio successivi. 

Colpaccio per il numero 5 che si è ritrovato (inaspettatamente) davanti ai diretti avversari e poi ha gestito benissimo la pressione. Aggressivo, anche troppo, nel superare i vari Stroll, Ricciardo, Gasly e Giovinazzi (nelle prime posizioni causa pit stop ritardati), Vettel ha tenuto dietro il compagno monegasco anche dopo due ripartenze post safety car che, inevitabilmente, ci sono state. Negli ultimi giri ha dimostrato anche di meritarsi la vittoria con giri fucsia andandosi a prendere la bandiera a scacchi in solitaria. Il comune di Singapore dovrebbe dargli la cittadinanza: quinta vittoria e record sul tracciato cittadino.

Grande doppietta Ferrari, ma ha sorriso Leclerc che si è sentito, a caldo, un po' derubato di una vittoria che aveva in tasca. Scattato dalla pole il numero 16 ha dettato il ritmo lentissimo e poi è stato beffato. Non ha colpe Binotto che ha scelto di far rientrare prima Seb per tentare l'attacco su Hamilton. Il monegasco ha comunque dimostrato di essere in una condizione super e questa Ferrari, per i progressi fatti, ora fa paura.

Delusione, invece, per la Mercedes che ha perso il podio con Hamilton tentando una strategia diversa. Senza passo Lewis si è riscoperto in grande difficoltà anche dietro la Red Bull di Verstappen che ha fatto compagnia ai ferraristi sul podio. Il Mondiale è in tasca per l'inglese, ma serve una reazione. 

Emozione Italia al giro 27 con Giovinazzi che al volante dell'Alfa Romeo si è trovato a guidare la gara per 7 tornate: era dieci anni che non succedeva di avere un pilota italiano in testa in un GP. Grande gara per il numero 99 che poi, finito nelle retrovie causa strategia folle, ha rimontato fino al decimo posto. Un altro punto importantissimo per la riconferma. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments