Supercoppa alla Juve: decide CR7

Il portoghese con un colpo di testa al 61' segna l'1-0 che regala il trofeo ai bianconeri per l'ottava volta

di
  • A
  • A
  • A

La Juventus ha vinto la Supercoppa Italiana battendo 1-0 il Milan nella finale di Gedda con un gol di Cristiano Ronaldo. I bianconeri dopo aver sfiorato il vantaggio nel primo tempo con le conclusioni di Douglas Costa e Joao Cancelo, hanno rischiato di andare sotto al 48' quando la traversa ha negato il gol a Cutrone. Al 61' l'assist di Pjanic concretizzato di testa da Ronaldo. Espulso Kessie. La Juve è l'ottava volta che conquista il trofeo.

Primo trofeo stagionale per la Juventus firmato, ovviamente, Cristiano Ronaldo. I bianconeri non hanno fallito l'appuntamento e a Gedda davanti a 62mila spettatori, pur faticando contro un Milan organizzato, hanno alzato la Supercoppa Italiana per l'ottava volta nella propria storia. Decisiva la rete di testa del portoghese in uno dei pochi lampi della sua partita che ha bucato le mani a Donnarumma e concesso a una Juventus apparsa appesantita dalla sosta e dal viaggio di confermare la propria superiorità nazionale. Il Milan dall'altra parte ci ha provato con le proprie armi, ma si è fermato al cospetto della traversa colpita da Cutrone a inizio ripresa e all'espulsione di Kessie a un quarto d'ora dalla fine che ha complicato ulteriormente le cose, in attesa di capire come finirà la telenovela Higuain (entrato al 75').

Chi si aspettava una Juventus arrembante sin dal primo minuto per cercare di approfittare di un Milan privo del Pipita per l'attacco influenzale e le distrazioni degli ultimi giorni, è rimasto deluso. I bianconeri, pur provandoci dopo appena 4' con un sinistro a giro di Douglas Costa fuori di poco, non hanno alzato il ritmo della contesa scontrandosi contro il muro eretto da Gattuso nella propria metà campo con un 4-5-1 difensivo molto solido. Il palleggio di Calhanoglu e Paquetà, schierato nuovamente titolare in mezzo alla mischia, ha lasciato il posto alla fisicità di Kessie e Bakayoko che hanno limitato al massimo i rifornimenti per Cristiano Ronaldo costringendo Dybala a giocare palloni a diversi metri dall'area di rigore. Con la parte centrale del campo intasata la Juventus si è affidata agli esterni e le due occasioni principali - fatto salvo un contropiede 3 vs 2 sprecato da Chiellini - sono arrivati con un diagonale impreciso di Cancelo e un'acrobazia di Ronaldo fuori di poco dopo un assist al bacio di Costa dalla sinistra.

Il Milan invece ha avuto venti minuti di un buon gioco, gli stessi in cui sono state concentrate le occasioni più ghiotte del match. Prima dell'intervallo un destro violento di Calhanoglu è stato neutralizzato da Szczesny con un grande intervento, mentre a inizio ripresa solo la traversa ha negato il vantaggio ai rossoneri e a Cutrone dopo una bella ripartenza. Alla prima sbavatura del centrocampo però il Milan è caduto: Kessie ha lasciato una porzione di campo scoperta in copertura abbassando il ritmo ed è subito stato punito da Pjanic che, libero, ha disegnato l'assist vincente per il colpo di testa spizzato di Ronaldo che ha bucato le mani di un incerto Donnarumma. L'ingresso di Higuain è stato valido solo per le statistiche, dopo l'espulsione di Kessie per un intervento violento a centrocampo il match è scivolato via senza grossi scossoni, fatto salvo per le proteste per un intervento dubbio di Emre Can in area su Conti nel finale giudicato regolare da Banti.

A trionfare ancora una volta è la Juventus, grazie a Ronaldo all'ottava rete personale nelle ultime sette finali disputate coi club. Un finale già scritto di fatto, ma non banale.

Ronaldo 7 - Letale come sempre, con la prima occasione prende la mira e alla seconda non sbaglia. La spizzata di testa buca Donnarumma e vale il suo 13° titolo diverso in carriera.

Costa 6,5 - Il più frizzante dei suoi, sulla destra crea pericoli con il mancino sia in prima persona che per i compagni. Sfiora soltanto la gioia personale.

Paquetà 6 - In mezzo al campo si propone come soluzione offensiva centrale. L'intesa coi compagni non può essere delle migliori, ma lascia intravedere buoni spunti e qualche leziosismo da limare.

Kessie 4,5 - Completa con un'espulsione diretta per un intervento evitabile una partita complicata. Sbaglia diverse scelte in contropiede togliendo potenziali occasioni da gol ai suoi.

Dybala 5,5 - Gioca molto lontano dalla porta e non calcia mai verso Donnarumma. Collega i reparti giostrando tra le linee, ma prova poco a dialogare con Ronaldo.

Cutrone 6 - Isolato là davanti fa quello che può sacrificandosi. La traversa gli nega la gioia del gol del vantaggio.

- La Juventus ha vinto otto volte la Supercoppa Italiana, più di ogni altra squadra.
- Cristiano Ronaldo ha segnato otto reti nelle ultime sette finali disputate con i club.
- Questa è la Supercoppa Italiana con meno gol dal 2007 (Inter-Roma 0-1).
- La Juventus ha segnato in tutte le ultime otto partite contro il Milan.
- Il Milan non è riuscito a segnare nelle ultime tre partite contro la Juventus.
- La Juventus ha segnato in tutte le 27 partite stagionali (50 gol)
- Quello di Patrick Cutrone è stato il 10° legno colpito dal Milan in stagione.
- Il primo tiro nello specchio da parte della Juventus è arrivato al 58° minuto di gioco.
- Quinto cartellino rosso per il Milan in questa stagione: due sono stati contro la Juventus.

JUVENTUS-MILAN 1-0
Juventus (4-3-3)
: Szczesny 6,5; Cancelo 6,5, Bonucci 6, Chiellini 6,5, Alex Sandro 6; Bentancur 5,5 (41' st Bernardeschi sv), Pjanic 6,5 (19' st Emre Can 6), Matuidi 6; Dybala 5,5, Ronaldo 7, Costa 6,5 (45' st Khedira sv). A disp.: Perin, Pinsoglio, Del Favero, De Sciglio, Rugani, Spinazzola, Kean. All.: Allegri 6.
Milan (4-3-3): G. Donnarumma 5; Calabria 6, Zapata 6, Romagnoli 6, Rodriguez 5; Kessie 4,5, Bakayoko 6, Paquetà 6 (25' st Borini 5,5); Castillejo 5 (25' st Higuain 5), Cutrone 6 (34' st Conti sv), Calhanoglu 5,5. A disp.: Reina, A. Donnarumma, Musacchio, Abate, Strinic, Laxalt, Bertolacci, Mauri, Montolivo. All.: Gattuso 5,5.
Arbitro: Banti
Marcatori: 16' st Ronaldo
Ammoniti: Alex Sandro, Pjanic, Dybala (J); Calhanoglu, Castillejo, Calabria, Rodriguez (M)
Espulsi: 29' st Kessie (M) per gioco violento

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments