SERIE B

Serie B: Inzaghi batte Nesta, Benevento sempre più in fuga solitaria

Battuto il Frosinone 1-0 con un rigore di Viola. Perugia e Crotone in zona playoff, il Cittadella manca l'aggancio al Pordenone secondo

  • A
  • A
  • A

Il Benevento è campione d’inverno in Serie B. La squadra di Inzaghi infatti batte il Frosinone di Nesta per 1-0 grazie a un rigore di Viola e almeno per una notte va a +12 sul Pordenone secondo. Gruppone in zona playoff: vincono Perugia e Crotone su Entella e Livorno, finisce in pareggio il derby tutto veneto tra Chievo e Cittadella, con la squadra di Venturato che così non riesce a raggiungere al secondo posto il Pordenone.

CITTADELLA-CHIEVO 1-1
Il derby veneto è inaugurato dal tentativo di D’Urso dal limite che trova un ottimo intervento di Nardi. Branca poi ci prova dal limite, con il pallone che finisce fuori di poco. Al 31’ padroni di casa in vantaggio, lancio lungo da dietro e doppio liscio della difesa del Chievo. Diaw può così correre e cercare il secondo palo, trovando invece la deviazione di Cotali che infila nella sua porta. Nella ripresa Bussaglia controlla e va al volo con il destro, Nardi non è impeccabile nell’intervento e il pallone finisce sul palo dopo il rimbalzo. Chievo che però trova il pari con l’assolo di Vignato che si accentra al 61’ e in area chiude nel migliore dei modi. Nel finale straordinaria giocata di tacco spalle alla porta di Diaw che per centimetri non trova il nuovo gol del vantaggio. Finisce così con un punto a testa, il Cittadella manca l’occasione di raggiungere il Pordenone al secondo posto.

PERUGIA-ENTELLA 2-0
Si parte con Manuel De Luca che con il sinistro manda alto sopra la traversa da dentro l’area, dall’altra parte ecco Capone con il destro respinto in angolo. Primo tempo che si chiude con Buonaiuto che converge e scarica il destra, palla che pizzica la parte alta della traversa. Di nuovo Buonaiuto nelle prime fasi della ripresa, destro a giro in area, Contini però è fantastico nell’allungare oltre la linea di fondo. Perugia che infine passa al 61’ con Capone che gira con il destro in area, prima di colpire il palo con la giocata a rientrare ancora di Buonaiuto. Nel recupero rosso per Giuseppe De Luca per un fallo di reazione su Rosi ed Entella che chiude in 10. Al 94’ poi la chiude in contropiede Iemmello, 14 gol in 17 partite per lui.

CROTONE-LIVORNO 2-1
Crotone subito pericoloso, ma Messias sbaglia solo davanti a portiere. Al 12’ poi Agazzi recupera e lancia Marras, diagonale destro e vantaggio per la squadra di Tramezzani. Crotone che al 23’ trova il pari con Cuomo di testa, ma sull’uscita di Plizzari c’è un tocco di mano di Simi che sfugge all’arbitro. Al 26’ poi il Crotone ribalta il punteggio con Crociata che a giro trova il secondo palo dentro l’area. Marras subito pericoloso anche in apertura di ripresa, ma Cordaz respinge con i piedi. Nel finale doppia occasione per il Crotone con Vido e Mustacchio che però non chiudono la partita, i calabresi possono comunque sorridere al triplice fischio.

EMPOLI-SALERNITANA 1-1
Inaugura le occasioni dopo una prima parte di gara senza troppi sussulti Gondo che dal limite calcia, deviazione in angolo dopo un brutto errore in uscita dell’Empoli. Al 38’ la Salernitana passa, Lombardi è lanciato in profondità, si sposta il pallone e in area incrocia bene, facendo partire la contestazione dei tifosi di casa verso la squadra. Empoli che però reagisce e pareggia nell’unico minuto di recupero del primo tempo: La Gumina punta in verticale, Bajrami chiude il triangolo e l’ex Palermo infila. Bajrami da fuori apre la ripresa, Micai è però bravo a concedere solo angolo. Le due squadre sembrano aver più paura di perdere che voglia di vincere. Nel finale prova a fare qualcosa in più l’Empoli, ma nel recupero Djuric prima trova un grande Brignoli poi sul tap in svirgola malamente.

JUVE STABIA-VENEZIA 2-0
Si comincia e dopo 12 secondi i padroni di casa sono già in vantaggio: cross in area e Bifulco gira di testa, palo interno per il gol più rapido di questa stagione di Serie B. Aramu da lontano spaventa la Juve Stabia, ospiti che premono senza però riuscire a pareggiare prima dell’intervallo. Ancora Aramu inaugura la ripresa con una punizione insidiosa fuori di poco dopo una deviazione. Raddoppio dei padroni di casa con la percussione di Forte al 62’ su cui il portiere del Venezia è incerto. Venezia che non riapre la sfida e che manca ancora la vittoria che non arriva dall’inizio di novembre.

BENEVENTO-FROSINONE 1-0
Prima contro terza, al Vigorito va in scena il big match della giornata di campionato. Si parte subito con i ritmi alti e le squadre che giocano per farsi male a vicenda dalle parti dei due portieri. Coda è pericoloso di testa, Dionisi ci prova da lontano senza fortuna, Ariaudo invece vede il suo pallone cambiare traiettoria causa vento prima di colpire la traversa. Al 21’ poi calcio di rigore per il Benevento per un fallo di mano su tiro di Sau: calcia Viola che non sbaglia e così Inzaghi costringe Nesta a inseguire nel punteggio. Frosinone che comunque reagisce con Kragl e Gori, facendo capire al Benevento che la partita è tutta da giocare. Intervallo lungo causa prima problemi all’impianto di illuminazione dello stadio, poi malfunzionamento all’auricolare del primo assistente del direttore di gara. Si torna a giocare e il Frosinone si divora il pari con Paganini. Antei di testa rischia di segnare il secondo per il Benevento che poi si salva sull’inserimento di Haas. Nel finale la squadra di Inzaghi sfiora il raddoppio con il palo colpito da Viola, resiste nei nove minuti di recupero finali e può festeggiare un ulteriore allungo in classifica e il titolo di campione d’inverno.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments