PRIMA GIORNATA

Serie B: Salernitana tris, Ventura parte alla grande. Pari Crotone, la Cremonese passa a Venezia

I granata battono 3-1 il Pescara. Derby calabrese senza reti, Rastelli vince 2-1 al Penzo. Tris esterno dello Spezia al Cittadella

  • A
  • A
  • A

La Salernitana di Gian Piero Ventura batte 3-1 il Pescara nella prima giornata di Serie B: campani avanti al 36’ con l’autorete di Bettella, Jallow raddoppia, Giannetti chiude i conti. In mezzo l’1-1 di Campagnaro. La Cremonese passa 2-1 a Venezia con una gran punizione di Castagnetti. Pesante sconfitta interna per il Cittadella, battuto 3-0 dallo Spezia. L'Entella batte 1-0 il Livorno, mentre finisce 0-0 il derby tra Crotone e Cosenza.

SALERNITANA-PESCARA 3-1
Padroni di casa più continui nella ricerca della proposta offensiva nel corso del primo tempo. Fiorillo però è bravo a intervenire un paio di volte su Kyine e sul tentativo di Akpa Akpro. Nulla può invece al 36’, quando Jaroszynski crossa dalla sinistra e Jallow allunga di testa quel tanto che basta a trovare l’angolino, con il tocco di Bettella che cambia l’assegnazione della rete, ma non la sostanza della situazione. La reazione del Pescara fatica a prendere forma e anzi gli abruzzesi prima dell’intervallo vengono salvati dalla traversa sulla punizione di Firenze. Si riparte e il Pescara pareggia con Campagnaro che al 55’ si fa trovare pronto sul primo palo e gira in rete di testa. Salernitana che torna a spingere fino a trovare il nuovo vantaggio con Jallow che controlla in area dopo un’azione confusa e al 79’ batte in diagonale Fiorillo. All’81’ poi Giannetti chiude la partita con un grande sinistro dal limite sotto la traversa, regalando così il primo sorriso a Ventura nella sua nuova avventura.

CROTONE-COSENZA 0-0
Il Crotone si mette da subito a fare la partita e si rende pericoloso in un paio di circostanze con Simy, ci provano anche Mazzotta e Messias, ma la porta del Cosenza sembra essere stregata per i padroni di casa. Per il Cosenza ci sono la conclusione pericolosa di Bruccini in avvio e quella al 38’ di Carretta che rientra sul sinistro dal limite e tenta la conclusione a giro, trovando però la mano aperta in volo di Cordaz e poi il palo. Come nel primo tempo, anche nel secondo il Crotone preme, ma rischia grosso quando ancora Carretta si presenta solo davanti a Cordaz dopo uno svarione difensivo, calciando però centralmente. Nel finale cresce l’intensità e a pagare al 76’ è Sciaudone che si prende il secondo giallo. Crotone ancora più in avanti con la superiorità numerica, Golemic spreca da due passi, l’ultima occasione è del Cosenza, ma Baez è poco incisivo.

VENEZIA-CREMONESE 1-2
Il Penzo rivede la Serie B dopo la grande paura del playout perso contro la Salernitana. È di Bocalon la prima occasione del match: colpo di testa alto. La Cremonese risponde con Deli e Palombi, ma il primo tempo finisce 0-0. Una partita già bella esplode nella ripresa: al 52' Lezzerini para un rigore a Ciofani, pochi minuti dopo Zuculini sfiora il vantaggio per i padroni di casa. La Cremonese va in vantaggio al 68' con un colpo di testa di Mogos, ma Modolo pareggia i conti sei minuti più tardi. Dopo un palo colpito da Deli, ci pensa una punizione-capolavoro di Castagnetti a regalare il primo sorriso della stagione a Massimo Rastelli.

CITTADELLA-SPEZIA 0-3
E pensare che la squadra che meglio aveva impressionato nel primo tempo è stata il Cittadella, superiore in fase di possesso palla e vicina al vantaggio con Diaw. Lo Spezia, però, ha il grande merito di sfruttare al massimo le occasioni da gol. Passano tre minuti dall'inizio della ripresa, e Galabinov si inventa un magico filtrante che mette Ricci davanti al portiere: l'ex Benevento non sbaglia e porta in vantaggio i liguri. Al 52' il bulgaro si mette in proprio e raddoppia con un sinistro che prende in controtempo Paleari. Per il Cittadella è assolutamente serata no, e lo conferma anche la dinamica del 3-0, che porta la firma di Mora: Iori calcia addosso al centrocampista spezzino, la traiettoria beffa il portiere granata. I padroni di casa tentano di accorciare le distanze con Celar (appena entrato in campo) ma rischiano di subire il poker: Gyasi, a pochi passi dalla porta, preferisce servire Galabinov invece di tirare, e favorisce la difesa del Cittadella.

ASCOLI-TRAPANI 3-1
Nel segno di Gianluca Scamacca. Il 20enne attaccante romano è l'assoluto protagonista dell'inizio di stagione dell'Ascoli: cinque gol in tre partite ufficiali. L'ultimo di questi è un piccolo gioiello, frutto di un tiro potente che si abbassa improvvisamente e sorprende Dini. Al 17' i marchigiani sono in vantaggio, ma dopo l'1-0 arretrano il baricentro in favore di un Trapani sempre più coraggioso. I siciliani vanno vicini al pareggio con un batti e ribatti in area, chiuso dal tentativo di Colpani: bravo Lanni a respingere con i piedi. Sotto una pioggia copiosa, la squadra di Francesco Baldini cerca l'1-1 e lo trova al 64' con Ferretti, entrato nel primo tempo al posto di Evacuo (uscito con una fasciatura al braccio dopo uno scontro con Lanni). Troppo lenta a salire da una situazione di calcio da fermo la difesa dell'Ascoli, Ferretti beffa Lanni al volo. I bianconeri reagiscono dopo il colpo e mettono sotto il Trapani con la tecnica di Da Cruz (entrato al posto di Scamacca): è proprio l'ex Parma a far saltare il banco. Prima fa impazzire la difesa ospite e provoca l'autorete di Luperini (83'), poi sigla il 3-1 in contropiede al 90'. Lo stesso Da Cruz si fa espellere nel recupero insieme a Scognamillo.

ENTELLA-LIVORNO 1-0
Una gara equilibrata, in cui è l'episodio a fare la differenza. L'Entella capitalizza una leggera superiorità sul piano del possesso palla con un calcio di rigore. Fallo in area di Di Gennaro su Morra, Matteo Mancosu non perdona dal dischetto. Ai toscani manca peso davanti, e il più pericoloso è Raicevic con un sinistro alto nella ripresa. Troppo poco, l'Entella festeggia con una vittoria il ritorno in Serie B.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments