Serie A, Roma-Genoa 3-2: paura e rimonta per Di Francesco

Due volte sotto (Piatek e Hiljemark), i giallorossi si salvano grazie a Fazio e Kluivert, poi Cristante segna il gol partita. Olsen da incubo, proteste rossoblù per un rigore su Pandev

di STEFANO RONCHI

La Roma trema, ma torna a vincere. All'Olimpico la squadra di Di Francesco batte 3-2 in rimonta il Genoa e interrompe il lungo digiuno. Grazie a una clamorosa papera di Olsen, Piatek sblocca la gara al 17', poi Fazio pareggia al 31'. Hiljemark riporta avanti il Grifone al 33', ma i giallorossi recuperano grazie a un guizzo di Kluivert al 45'. Nella ripresa il Var grazia Olsen, poi Cristante firma il gol partita al 59' e i rossoblu protestano per un fallo in area su Pandev

Serie A, Roma-Genoa 3-2: le foto

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
Foto 37
Foto 38
Foto 39
Foto 40
Foto 41
Foto 42
Foto 43
Foto 44
Foto 45
Foto 46
Foto 47
Foto 48
Foto 49
Foto 50
Foto 51
Foto 52
Foto 53
Foto 54
Foto 55
Foto 56
Foto 57
Foto 58
Foto 59
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59

La Roma trema, ma torna a vincere. All'Olimpico la squadra di Di Francesco batte 3-2 in rimonta il Genoa e interrompe il lungo digiuno. Grazie a una clamorosa papera di Olsen, Piatek sblocca la gara al 17', poi Fazio pareggia al 31'. Hiljemark riporta avanti il Grifone al 33', ma i giallorossi recuperano grazie a un guizzo di Kluivert al 45'. Nella ripresa il Var grazia Olsen, poi Cristante firma il gol partita al 59' e centra anche un palo.

>

LA PARTITA

Tre punti. Questo conta. Il resto sono solo dettagli a Trigoria. Almeno in questo momento. Già, perché col Genoa la Roma non poteva sbagliare e, per come è andata la gara, la vittoria giallorossa suona più come un'impresa che il giusto esito del campo. A tratti, infatti, all'Olimpico è il Genoa a vestire i panni della big, con tanti rimpianti per il doppio vantaggio gettato al vento. Certo, Olsen ci ha messo del suo. Ma non si può imputare la modesta prestazione giallorossa solo alle papere dello svedese. A bocce ferme, infatti, l'impressione è che i giallorossi in questo momento siano molto fragili e che stiano attraversando un momento molto complicato sotto tutti i punti di vista. Tecnico e caratteriale. Questa vittoria, dunque, potrebbe essere cruciale per continuare a inseguire la zona nobile della classifica e per continuare a farlo con Di Francesco, che resta sì sempre in bilico, ma che può mettere a referto tre punti preziosi per la sua panchina a discapito di un buon Genoa. 

Tutto con scelte di formazione che segnano un punto di rottura. Accolta dai fischi, all'Olimpico la Roma si presenta infatti con un 3-4-3 rivoluzionario. Con le spalle al muro, Di Francesco cambia tutto e piazza Zaniolo al centro dell'attacco, con Schick in panca e Ünder e Kluivert a completare il reparto. Una mossa coraggiosa, per dare la scossa e svoltare. Contro il 3-5-2 compatto di Prandelli l'inizio dei giallorossi però non è brillante. Con gli automatismi da registrare, la banda di Di Francesco fatica a costruire in mediana e patisce la velocità del Grifone sulle ripartenze di Kouame. Tra le linee è Hiljemark l'uomo che disturba i piani giallorossi. Sulla sinistra tocca invece a Lazovic creare scompiglio, con Piatek sempre pronto a chiamar palla. Zaniolo prova a far valere il fisico in mezzo all'area, ma non basta. Lenta e confusa, la Roma soffre. E poco dopo il quarto d'ora di gioco il Genoa sblocca il match grazie a un'incredibile papera di Olsen, che si fa passare la palla sotto le gambe e poi si addormenta sul tapin di Piatek. Un gancio potente, che gli uomini di Di Francesco incassano barcollando. In un clima surreale, alla mezz'ora a metterci una pezza ci pensa Fazio sugli sviluppi di un calcio piazzato. Più un colpo della disperazione che il frutto di un disegno ragionato. Il pareggio giallorosso, infatti, dura solo tre minuti. Poi un guizzo di Hiljemark riporta avanti il Grifone. Più ordinato e compatto, il Genoa ci crede, arriva sempre prima sulle seconde palle e attacca bene la profondità dalla parte di Kolarov. La Roma invece gioca solo a sprazzi, aggrappandosi ai singoli. E proprio da una giocata di Kluivert prima dell'intervallo arriva la rete del 2-2. Una rasoiata in diagonale che tiene a galla i giallorossi. 

La ripresa si apre con una clamorosa occasione per Ünder, poi Olsen viene graziato dal Var. Su un tiro di Lazovic, lo svedese sbaglia ancora clamorosamente, ma Di Bello annulla la rete per una posizione irregolare di Piatek. E' l'episodio chiave del match. Quello che fa girare la partita. Dopo la grande paura, i giallorossi avanzano di qualche metro il baricentro e approfittano di una marcatura molle di Sandro per ribaltare il risultato con un tracciante di Cristante. Una rete di rabbia, che scrolla la Roma e riaccende l'Olimpico dopo la grande paura. Per la prima volta sotto nel risultato, Prandelli fa all-in gettando nella mischia Pereira, Rolon e Pandev. Tra i giallorossi è Zaniolo a vestire i panni del "veterano" nella gestione della palla, poi gli ingressi di Santon e Schick chiudono la girandola dei cambi. Nel finale i rossoblù attaccano a testa bassa e nel recupero c'è il tempo anche per le proteste del Grifone per un fallo netto in area su Pandev. L'ennesimo brivido per Di Francesco, che al triplice fischio torna a sorridere. Ma non molto. La sua Roma è tornata a vincere, ma non è ancora guarita. 

LE PAGELLE

Olsen 3: la papera sul gol di Piatek è clamorosa sia dal punto di vista tecnico, che dell'attenzione. Prima si fa passare la palla sotto le gambe e poi dorme, facendosi anticipare dal bomber. Si ripete su un tiro molle di Lazovic, ma il Var lo grazia
Kluivert 6,5: si accende solo a sprazzi, ma il gol del 2-2 allo scadere del primo tempo vale oro e avvia la rimonta giallorossa
Cristante 7: in ombra nel primo tempo, sale di livello nella ripresa. Un gol e un palo segnano la sua prestazione e salvano Di Francesco
Zaniolo 6,5: partenza in sordina, poi fa valere fisicità e tecnica nella ripresa, facendo respirare la squadra come un "veterano" 
Piatek 7: segna il gol numero 12 e si conferma bomber di razza. Sempre pericoloso e al centro della manovra del Grifone. Fa a sportellate con tutti e si intende a meraviglia con Kouame
Sandro 5: nel primo tempo gestisce bene il traffico in mediana, nella ripresa poi cala fisicamente e perde Cristante sul 3-2
Hiljemark 6,5: quantità e qualità. Buyona prova tra le linee, con tante buone giocate. Segna la rete del 2-1 e tiene sempre in ansia la retroguardia giallorossa

IL TABELLINO

ROMA-GENOA 3-2
Roma (3-4-3): Olsen 3; Fazio 6, Manolas 5,5, Juan Jesus 5; Florenzi 5,5, Cristante 7, Nzonzi 5,5, Kolarov 5; Ünder 5,5 (31' st Santon 6), Zaniolo 6,5, Kluivert 6,5 (35' st Schick 5,5).
A disp.: Mirante, Fuzato, Marcano, Karsdorp, De Rossi, Pastore, Coric, Marcucci, Perotti. All.: Di Francesco 5,5
Genoa (3-5-2): Radu 6; Biraschi 6, Romero 6,5, Zukanovic 5,5 (15' st Pedro Pereira 5,5); Romulo 6 (22' st Pandev 5,5), Hiljemark 6,5, Sandro 5 (19' st Rolon 5,5), Bessa 6, Lazovic 6; Piatek 7, Kouame 6,5.
A disp.: Marchetti, Russo, Lisandro Lopez, Spolli, Miguel Veloso, Omeonga, Favilli, Dalmonte, Iuri Medeiros. All.: Prandelli 5,5
Arbitro: Di Bello
Marcatori: 17' Piatek (G), 31' Fazio (R), 33' Hiljemark (G), 45' Kluivert (R), 14' st Cristante (R)
Ammoniti: Zaniolo, Schick (R); Zukanovic, Rolon (G)
Espulsi: -

LE STATISTICHE

- La Roma non vinceva un incontro dopo essere passata in svantaggio in Serie A da marzo (v Napoli).
- Per la Roma è il 13° successo casalingo consecutivo sul Genoa in Serie A, per i giallorossi è la striscia interna di successi più lunga di tutti i tempi contro una singola avversaria in Serie A.
- Justin Kluivert è il secondo giocatore nato dopo l'1/1/1999 ad aver trovato il gol in questa Serie A, dopo Andrea Pinamonti.
- Krzysztof Piatek, che non segnava in gare esterne di Serie A da settembre – ha realizzato quattro dei sei gol in trasferta nel massimo campionato nel Lazio (due all’Olimpico e due al Benito Stirpe).
- La Roma ha sia segnato che subito almeno due gol in tutte le ultime tre gare di campionato – nel parziale due pareggi e un successo.
- Il Genoa non ha trovato neanche un successo negli ultimi 10 incontri di Serie A (4N, 6P).
- Era da agosto (tre reti contro l’Atalanta) che la Roma non subiva almeno due gol nel corso di una prima frazione di Serie A.
- Due dei tre gol di Bryan Cristante in questa Serie A sono stati segnati su assist di Kluivert. Due dei tre assist di Kluivert in Serie A hanno favorito un gol di Cristante.
- Cinque dei sette gol di Oscar Hiljemark in Serie A sono arrivati in trasferta.
- Con Justin Kluivert salgono a 14 i marcatori differenti della Roma in questa Serie A, più di ogni altra squadra.
- Salgono a 17 i punti persi da situazione di vantaggio per il Genoa in questa Serie A, almeno quattro in più di ogni altra squadra.

TAGS:
Calcio
Serie a
Roma
Genoa

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X