Serie A: Genoa-Udinese 2-2

Botta e risposta al Ferraris: apre un rigore di Romulo, pareggio di Lasagna. Poi Romero e una magia di De Paul

di
  • A
  • A
  • A

Nella 10a giornata di Serie A, Genoa e Udinese si dividono la posta in palio con un 2-2 ricco di emozioni. A Marassi i padroni di casa sbloccano il match al 32' grazie a un rigore trasformato da Romulo. Nella ripresa i fuochi d'artificio tra il 65' e il 70': Lasagna vola in cielo e fa 1-1, al 67' Romero (poi espulso) di testa riporta avanti il Grifone prima del pari definitivo di De Paul (destro a giro all'incrocio al 70').

Il Genoa scende in campo con lo stesso 11 che a Torino ha frenato l'irresistibile marcia della Juve: Piatek-Kouamé la coppia d'attacco. Tre cambi, invece, per Velázquez: esordio in Serie A per il portiere argentino Juan Musso, Opoku prede il posto dell'infortunato Nuytinck e Mandragora scivola in panchina a vantaggio di Barak.

Su un terreno reso pesante dalla pioggia che in questi giorni si è abbattuta sulla città ligure, i padroni di casa partono subito forte e sono pericolosi grazie alle incursioni di Bessa che mandano in tilt la retroguardia friulana. Dopo 9' Musso è salvato dal palo sul colpo di testa dell'italo-brasiliano, poi il numero 1 argentino macchia il suo debutto italiano con un'uscita sciagurata sull'ex Hellas: rigore netto che Romulo non sbaglia (32'). Prima dell'azione che ha deciso la prima frazione, Radu era stato bravo sulla torsione di testa di Lasagna (13'), mentre l'ex Racing aveva detto no alla punizione dal limite di Criscito (20'). I friulani non riescono a rifornire a dovere le punte e allora ci provano solo dalla distanza: Radu alza sopra la traversa su De Paul e Fofana vede terminare alta la conclusione deviata prima da Biraschi e poi da Romero.

Nella ripresa la gara si fa più equilibrata, grazie all'Udinese che occupa meglio gli spazi, alza il baricentro e riesce a far entrare nel gioco De Paul, il giocatore con più talento. Da una pennellata, non a caso, arriva il pareggio di Lasagna, che vola in cielo e fa secco Radu. Dal 65' al 70' la sfida si incendia, perché passano solo 2' e Romero - sempre di testa - riporta avanti il Grifone. C'è, però, poco da esultare, visto che tre minuti dopo De Paul disegna una palombella che termina sotto l'incrocio dei pali. L'espulsione di Romero per doppia ammonizione al 74' complica di piani di Juric, ora costretto a difendere il risultato. Le due squadre non smettono di lottare, ma la stanchezza prevale e i due portieri non corrono più seri pericoli. Un risultato che sorride sicuramente più ai bianconeri, che pongono fine alla serie negativa di 4 partite. I rossoblù, invece, non riescono a eguagliare il record di Gasperini, che nel 2008-2009 conquistò 16 punti in 9 gare, primato dal ritorno in Serie A.

Bessa 7 - Vera spina nel fianco della difesa friulana, soprattutto nel primo tempo: colpisce un palo, va vicino al gol per due volte e procura il rigore che sblocca il match.
Romero 6 - Il voto è la media esatta per la prestazione (condita da un gol) e l'ingenua espulsione che lascia i suoi in 10.
Piatek 5 - Vivace in avvio, poi sparisce dal campo. Ha perso lo smalto di inizio stagione.

De Paul 7,5 - Fatica come tutta la squadra nel primo tempo, poi la prende per mano con l'assist a Lasagna e lo splendido destro a giro del 2-2.
Lasagna 6,5 - Nel primo tempo il suo colpo di testa è fermato da Radu, ma nel secondo vola in cielo e per il portiere del Genoa non c'è scampo.
Musso 5,5 - Esordio così così per il numero 1 argentino, che provoca un rigore con un'uscita sciagurata su Bessa. Si riscatta parzialmente con una splendida parata sull'italo-brasiliano nella ripresa.

GENOA-UDINESE 2-2
Genoa (3-5-2): Radu 6; Biraschi 6,5, Romero 6, Criscito 6; Pereira 5,5, Romulo 6,5, Sandro 6 (26' st Mazzitelli 6), Bessa 7 (40' st Hiljemark sv), Lazovic 5,5; Piatek 5, Kouame 6,5 (31' st Gunter 6). A disp.: Russo, Vodisek, Lopez, Zukanovic, Veloso, Omeonga, Pandev, Medeiros, Lapadula. All.: Juric 6
Udinese (3-5-2): Musso 5,5; Opoku 5,5, Ekong 6, Samir 6; Pussetto 5,5 (41' st Balic sv), Barak 5,5 (35' st Mandragora sv), Fofana 6,5, Behrami 6 (18' st Ter Avest 6), Stryger Larsen 6; De Paul 7,5, Lasagna 6,5. A disp.: Scuffet, Nicolas, Wague, Pontisso, D'Alessandro, Vizeu, Micin. All.: Velázquez 6
Arbitro: Mazzoleni
Marcatori: 32' rig. Romulo (G), 20' st Lasagna (U), 22' st Romero (G), 25' st De Paul (U)
Ammoniti: Ekong (U), Behrami (U), Opoku (U), Biraschi (G), Romero (G), Kouame (G), Musso (U), Mazzitelli (G)
Espulsi: Al 29' st Romero (G) per doppia ammonizione

Il Genoa ha segnato in tutte le ultime 11 partite casalinghe di campionato: i liguri non fanno meglio in Serie A dal 2010, quando toccarono quota 19.
Quello di oggi è il primo rigore per il Genoa in questo campionato.
La rete di Rômulo è stata la prima su calcio piazzato per il Genoa in questo campionato, quella di Romero la seconda.
Gli ultimi tre gol di Rômulo in Serie A sono arrivati su calcio di rigore.
Secondo gol di testa, su 19 totali, per l'attaccante dell'Udinese Kevin Lasagna in Serie A.
Rodrigo De Paul ha realizzato cinque gol e fornito tre assist in questo campionato, sulle 10 reti totali dell'Udinese.
Il giocatore dell'Udinese Rodrigo De Paul ha già battuto il suo record di gol in un singolo campionato di Serie A (cinque reti in questa stagione).
L'ultimo giocatore a segnare un gol e prendere un rosso nella stessa partita era stato Lorenzo De Silvestri ad aprile in Torino-Milan: oggi Cristian Romero in questa gara.
L'Udinese ha guadagnato un solo punto nelle ultime cinque partite di campionato, in cui ha sempre subito almeno due gol.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments