GENOA-ROMA 1-3

Serie A, Genoa-Roma 1-3: Mkhitaryan lancia i giallorossi al terzo posto

Tripletta dell'armeno che ha colpito anche una traversa. A Maran non basta la zampata di Pjaca

  • A
  • A
  • A

La Roma ha battuto 3-1 in trasferta il Genoa nella settima giornata di Serie A, prendendosi il terzo posto in classifica. Protagonista assoluto al Ferraris l'armeno Mkhitaryan che, dopo aver colpito una traversa al 19' esaltando i riflessi di Perin, ha firmato la tripletta decisiva; prima di testa da corner al 47', poi al 66' chiudendo una ripartenza e infine all'85' con una girata di destro. Al Genoa non è bastato Pjaca a inizio ripresa.

LA PARTITA

Senza il capitano, il palcoscenico da uomo-copertina per la Roma se l'è preso tutto Henrikh Mkhitaryan. L'armeno, ancora a secco di gol in campionato prima di questa partita, si è scatenato in casa del Genoa con una tripletta che ha firmato il 3-1 dei giallorossi e portato in dote tre punti importanti nonché il terzo posto in classifica. Emergenza o meno, la Roma di Fonseca gioca, corre e segna, col rimpianto di quello 0-3 a tavolino della prima giornata, mentre il Genoa di Maran resta nell'anonimato di un inizio di campionato difficile, da zona retrocessione.

Il primo tempo è stato bloccato con due squadre alla ricerca di trame pericolose per buona parte del match, ma senza trovarle. Due gli spunti degni di nota e tutti di marca giallorossa: al 19' Mkhitaryan ha scaldato il piede facendo volare Perin sotto l'incrocio dei pali con tanto di deviazione e traversa, poi è Pedro ad impegnare il portiere gialloblù con destro centrale. Nel finale Mayoral si è divorato un gol da buona posizione, ma il gol del vantaggio per la Roma è arrivato a tempo scaduto sugli sviluppi di un corner - vera arma in più di questo campionato per i giallorossi dopo le due reti in casa del Milan. Il colpo di testa decisivo è arrivato proprio da Mkhitaryan, non certo uno abituato a questo tipo di giocate in mischia, bravo a scappare a Biraschi.

Nella ripresa il Genoa ha iniziato meglio trovando l'immediato pareggio sulla verticalizzazione Scamacca-Pjaca, approfittando degli errori di lettura di Ibanez prima e Smalling poi, con il croato bravo a difendersi dal rientro del difensore per battere Pau Lopez. Poi però, dopo un diagonale esterno di Scamacca, si è abbattuto il ciclone Mkhitaryan sul Genoa di Maran. Al 66' l'armeno ha chiuso di destro una ripartenza veloce rifinita da Bruno Peres con una magia di esterno al volo; poi a cinque minuti dalla fine sempre il numero 77 giallorosso ha girato di destro al volo un cross di Pedro per la tripletta personale e il conseguente pallone nello zaino.

--

LE PAGELLE

Mkhitaryan 8 - Non segnava da luglio, ha trovato una tripletta clamorosa in assenza di Dzeko. Prima di testa un gol da corner, poi chiudendo una ripartenza con tempi perfetti. Infine una girata al volo nel finale. Prima di tutto questo Perin gli ha anche negato un gran gol deviando sulla traversa.

Smalling 5,5 - Non troppo impegnato dall'attacco rossoblù, però commette un errore in occasione del primo gol del Genoa staccandosi da Scamacca e aprendo il corridoio per l'assist decisivo.

Mayoral 5 - Fa rimpiangere Dzeko con una prova impalpabile al centro dell'attacco. Prova a giocare di sponda, ma riesce poco, e si divora l'unica buona possibilità in area.

Perin 6 - Sulle reti di Mkhitaryan può poco, ma si supera a inizio partita sempre sull'armeno. Guida la squadra, ma non basta per evitare le amnesie dei compagni.

Scamacca 6,5 - Fa praticamente reparto da solo giocando di fisico e tecnica. Manda in porta Pa

Pjaca 6,5 - Si guadagna la sufficienza per il modo in cui protegge il pallone in occasione del gol del pareggio, il secondo in campionato. Prima del gesto tecnico una prova incolore, ma la firma alla fine l'ha messa ed è quello che conta.

--

IL TABELLINO

GENOA-ROMA 1-3
Genoa (4-3-1-2):
Perin 6; Biraschi 5, Bani 5, Masiello 5 (25' st Ghiglione 5,5), Criscito 5; Lerager 5,5 (35' st Destro sv), Radovanovic 5,5 (25' st Lu. Pellegrini 5,5), Rovella 5,5; Zajc 5 (35' st Badelj sv); Pjaca 6,5 (16' st Pandev 5), Scamacca 6,5. A disp.: Paleari, Marchetti, Goldaniga, Behrami, Czyborra, Melegoni, Parigini. All.: Maran 5.
Roma (3-4-2-1): Lopez 6; Mancini 6,5, Smalling 5,5, Ibanez 6; Karsdorp 6, Lo. Pellegrini 6,5 (42' st Villar sv), Veretout 6,5, Spinazzola sv (14' Bruno Peres 6,5); Mkhitaryan 8, Pedro 6,5; Mayoral 5 (16' st Cristante 5,5). A disp.: Farelli, Mirante, Kumbulla, Fazio, Juan Jesus, Darboe, Podgoreaunu, Providence. All.: Fonseca 7.
Arbitro: Irrati
Marcatori: 47' Mkhitaryan (R), 5' st Pjaca (G), 21' st Mkhitaryan (R), 40' st Mkhitaryan (R)
Ammoniti: Zajc (G)
Espulsi: nessuno
--

LE STATISTICHE DI OPTA

Era dalla stagione 2016/17 che la Roma non realizzava 16 reti nelle prime sette partite stagionali di Serie A.

La Roma è ora a sei gol da palla inattiva in questa Serie A, nessuna squadra ne conta di più su calcio da fermo.

Dall’inizio del 2010 solo due giocatori hanno segnato almeno 10 reti in Serie A, Bundesliga e Premier League: Edin Dzeko e Henrikh Mkhitaryan.

Dall'inizio della stagione 2015/16, Henrikh Mkhitaryan è uno dei due giocatore ad aver segnato almeno 10 reti in tre dei cinque maggiori campionati europei, insieme a Zlatan Ibrahimovic.

Henrikh Mkhitaryan ha raggiunto oggi le 100 partecipazioni a gol nei Top-5 campionati europei (48 reti, 52 assist) in 197 presenze di campionato.

Sette dei 48 gol di Henrikh Mkhitaryan nei Top-5 campionati europei sono arrivati di testa, tre dei quali con la maglia della Roma.

Henrikh Mkhitaryan non segnava più di un gol in campionato dal dicembre 2018, contro il Southampton in Premier League - prima tripletta nei Top-5 campionati europei per lui.

Henrikh Mkhitaryan non prendeva parte a più di 10 tiri della sua squadra in una singola partita di campionato da marzo 2016, quando giocava in Bundesliga con la maglia del Borussia Dortmund.

Due reti in sei presenze per Marko Pjaca in questa Serie A, più di quelle realizzate in tutte le sue precedenti 33 gare nella competizione (una).

Tutte le tre reti di Marko Pjaca in Serie A sono arrivate in partite interne, due delle quali al Ferraris con il Genoa.

Mattia Perin (175 presenze) ha oggi superato Vincenzo Torrente (174) come ottavo giocatore più presente in Serie A con la maglia del Genoa.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments