BOLOGNA-LECCE 3-2

Serie A, Barrow "condanna" il Lecce: vince il Bologna, Liverani a un passo dalla B

Il gambiano segna il gol del 3-2 nel recupero: proteste degli ospiti per un contatto sospetto nell'area bolognese

  • A
  • A
  • A

Emozioni dal primo all’ultimo minuto al ‘Dall’Ara’: il Bologna batte 3-2 un Lecce orgoglioso e sfortunato che subisce due reti (da Palacio e Soriano) nei primi cinque minuti di partita, riesce a rimontare con Mancosu e Falco ma, dopo aver sfiorato più volte il sorpasso, viene beffato al 93’ dal gol in contropiede di Musa Barrow. Sempre più complicata la corsa salvezza dei giallorossi: il Genoa dista 4 punti (con gli scontri diretti a proprio favore) a due partite dalla fine.

LA PARTITA
L’avvio del Bologna è travolgente: è da poco iniziato il 2’ quando Palacio supera Gabriel con un bel colpo sotto, sfruttando appieno il tacco di Barrow deviato da Mancosu, e bastano altri tre minuti perché Soriano, servito ancora da Barrow, riesca a trovare il 2-0 trovando l’angolino dalla distanza. I felsinei sono pericolosi, Barrow sfiora un paio di volte il tris colpendo anche un palo ma, inaspettatamente, i salentini si riportano in partita a pochi secondi dall’intervallo: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Palacio rinvia male, Skorupski e Dijks si ostacolano, Saponara ci prova con un’acrobazia e il pallone finisce dalle parti di Mancosu, che spinge in rete con il petto. La pausa non toglie l’inerzia al Lecce, Falco ci prova ma colpisce la traversa al 51’. Il numero 10 giallorosso si rifà con gli interessi dieci minuti dopo, liberandosi in area e concludendo con un gran sinistro alle spalle di Skorupski per il 2-2. Il Lecce preme fino alla fine e sfiora il gol del sorpasso all’87’: Falco riesce a superare il portiere dei padroni di casa con un bel diagonale, ma Krejci salva miracolosamente sulla linea. Al 93’, però, arriva la beffa: i giallorossi protestano per un presunto mani in area di rigore bolognese, per Calvarese si può proseguire e sul contropiede successivo Barrow suggella una gran prestazione personale firmando la rete della vittoria. Un gol che spinge il Lecce verso la retrocessione: il Genoa dista 4 punti in classifica a due giornate dal termine, e il Grifone ha dalla sua anche gli scontri diretti in caso di arrivo in parità.

LE PAGELLE
Barrow 7,5:
Nel primo tempo è il migliore in assoluto, con un assist (e mezzo) e un palo. Cala nella ripresa, ma non esce mai dal match come dimostra la rete decisiva firmata in pieno recupero.

Palacio 6,5: Non è solo il gol segnato a portarlo sopra la sufficienza. È vero, commette un errore in occasione del primo gol leccese, ma trascina i compagni con il suo carisma.

Skorupski 5: Imperfetto su entrambi i gol leccesi, viene salvato in un paio di occasioni dalla traversa e da un salvataggio sulla linea. Non riesce a dare sicurezza tra i pali.

Falco 7,5: Classe, precisione e coraggio per lui, sempre l’ultimo ad arrendersi. Probabilmente arriverà l’amaro verdetto a fine stagione, ma il numero 10 avrà davvero poco da rimproverarsi.

Lapadula 5,5: Nelle diverse occasioni create dal Lecce si vede poco e in modo inconcludente. È generoso, ma quasi mai pericoloso.

Tachtsidis 5: Soffre terribilmente gran primo tempo degli avversari, la bocciatura definitiva arriva al quarto d’ora del secondo tempo, quando Liverani gli preferisce Petriccione.

IL TABELLINO
BOLOGNA-LECCE 3-2
Bologna (4-2-3-1):
Skorupski 5; Mbaye 6, Danilo 6, Denswil 5,5, Dijks 5,5 (11’ st Krejci 6,5); Medel 6, Svanberg 6 (11’ st Poli 6); Skov Olsen 6 (11’ st Orsolini 6), Soriano 6,5 (34’ st Santander sv), Barrow 7,5; Palacio 6,5 (24’ st Sansone 6). A disp.: Da Costa, Bonini, Dominguez, Corbo, Cangiano, Baldursson, Ruffo Luci. All.: Mihajlovic 6,5
Lecce (4-3-2-1): Gabriel 6; Donati 5,5 (14’ st Rispoli 6,5), Lucioni 5,5, Paz 5,5 (33’ st Meccariello sv), Dell’Orco 5,5; Mancosu 6,5, Tachtsidis 5 (14’ st Petriccione 6), Barak 6; Falco 7,5, Saponara 6 (14’ st Majer 6); Lapadula 5,5. A disp.: Vigorito, Sava, Radicchio, Vera, Shakhov, Monterisi, Maselli, Rimoli. All.: Liverani 6
Arbitro: Calvarese
Marcatori: 2’ Palacio (B), 5’ Soriano (B), 47’ Mancosu (L), 21’ st Falco (L), 48’ st Barrow (B)
Ammoniti: Palacio (B), Rispoli (L)

LE STATISTICHE

•    Era dallo scorso febbraio (contro il Brescia) che il Bologna non otteneva un successo casalingo in Serie A.
•    Solo due squadre negli anni 2000 hanno subito almeno lo stesso numero di gol del Lecce (80) in una singola stagione in Serie A: il Pescara (84 nel 2012/13 e 81 nel 2016/17) e il Benevento (84 nel 2017/18).
•    Il Bologna ha eguagliato il record negativo di partite consecutive senza clean sheet nella storia della Serie A (31, come il Verona dal 1992 al 1997).
•    Prima di Musa Barrow, l'ultimo giocatore del Bologna a segnare in quattro presenze casalinghe di fila in Serie A era stato Erick Pulgar, nell'aprile 2019.
•    Sono sette i gol di Palacio in questo campionato, tanti quanti ne aveva segnati nelle due precedenti stagioni in Serie A con il Bologna.
•    Prima di questo incontro, l'ultima volta che il Bologna aveva segnato due gol nel corso dei primi cinque minuti di gioco in Serie A era stata nell'aprile 1998, contro l'Udinese.
•    La rete in apertura di Rodrigo Palacio è la più veloce dall’inizio di una partita in questa Serie A (1:02).
•    Roberto Soriano ha preso parte a quattro reti (due gol, due assist) nelle sue ultime cinque presenze in Serie A.
•    Prima di questo incontro, il Bologna aveva segnato appena un gol nel corso dei primi 10 minuti di gioco nella Serie A in corso (con Danilo, contro il Parma a luglio).
•    Prima di Marco Mancosu, l'ultimo giocatore del Lecce ad aver segnato almeno 13 gol in una stagione di Serie A era stato Mirko Vucinic (19 nel 2004/05).
•    Dei quattro gol segnati in Serie A da Filippo Falco, quello di oggi è il primo arrivato in trasferta.
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments