Roma, la mamma di Zaniolo sulla rapina: "Hanno minacciato di spararmi"

Francesca Costa: "Nicolò molto scosso ma l'accaduto non deve influenzare la sue scelte future"

Roma, la mamma di Zaniolo sulla rapina: "Hanno minacciato di spararmi"

Dopo lo spavento, la ricostruzione. Francesca Costa, mamma di Nicolò Zaniolo, ha spiegato cos'è successo durante la rapina subita a Roma: "I ladri erano due, uno mi ha tenuto per la spalla e l'altro mi ha pestato il piede. Mi hanno tolto l'orologio, uno ha mi ha detto: stai zitta, altrimenti ti sparo". Sul fatto che l'accaduto possa influire sulla scelta del figlio di rimanere o meno giallorosso: "Non deve succedere, domenica finisce il campionato e torneremo tutti a La Spezia. Poi vedremo cosa fare".

Nell'intervista al Corriere dello Sport, la Costa spiega: "Non mi sarei mai aspettata uno scippo in pieno giorno, in un posto trafficato. Io poi non sono abituata a queste cose a La Spezia non succedono queste cose, posso girare anche con un Rolex. Mi avevano consigliato di uscire senza orologi di valore ma non è giusto: se non posso mettermi ciò che voglio non mi sento di vivere libera. Anche se l'importante, in questi casi, è sopravvivere".

Zaniolo era "turbato e molto scosso, appena ha finito gli allenamenti è tornato per accertarmi che stessi bene. Lo ha accompagnato in auto De Rossi che è stato molto gentile, mi ha chiesto come mi sentissi e se fosse tutto a posto". Infine, sul futuro del figlio interviene anche il padre Igor: "Ho detto a Nicolò che poteva evitare di scrivere quella frase dettata dalla rabbia del momento. I dirigenti che gli hanno assicurato che la prima cosa del nuovo corso sarà il suo rinnovo. Se poi avessero necessità di cederlo la sua volontà non c'entra".

TAGS:
Roma
Zaniolo
Mamma
Rapina
Francesca costa

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X