Roma, 26 anni fa l'esordio di Totti

Tutto iniziò al Rigamonti per merito di Boskov, poi il Pupone ha esultato 305 volte con una sola maglia

Tutto iniziò a Brescia, esattamente 26 anni fa. E ci pensa la Fifa - il massimo organismo mondiale del calcio - a celebrare sui social il challenge molto particolare di Francesco Totti. Eterno capitano, ottavo Re di Roma per volere degli dei del pallone, ambasciatore globale del football che ancora emoziona. Aveva 16 anni, quel giorno al Rigamonti, e i cronisti dell'epoca captarono che stava accadendo qualcosa di storico. Il ragazzino un po' sfacciato, il Pupone, sarebbe arrivato a giocare fino a 40 anni, esultando 305 volte con la sua seconda pelle giallorossa.

Totti, 26 anni fa l'esordio

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169

Con Boskov conobbe il debutto in Serie A, con Mazzone la gioia della prima rete, oltre un anno dopo. Fra tacchi e cucchiai, punizioni impeccabili e lanci ispirati, Totti ha macinato metri e gerarchie: da trequartista a seconda punta, fino a diventare l'attaccante principe della prima Roma spallettiana per poi nuovamente indietreggiare, senza però mai rinunciare alla classe, alla fantasia, all'invenzione.

Cade in qualche trappola interiore, ma trova sempre dentro la forza per superare gli infortuni, specie quello del 2006 alla caviglia: sul tetto del mondo ci sarà lui, e non Zidane, l'altro numero 10 della finale di Berlino.

Uno scudetto, due Supercoppe, due Coppe Italia: tanto talento stretto, in fondo, in così pochi trofei.
Ma di titoli morali è pieno il mondo di Francesco: simpatia, ironia, famiglia, tanta silenziosa beneficenza. Un equilibrio perfetto fino ad una domenica di maggio di due anni fa, quando per dire addio al pallone, se la mano trema, non lo fa il destro verso la Curva Sud.

Che poi è la sua alcova calcistica, quella da immortalare con un selfie in un derby ripreso grazie alle sue magie, il non luogo per cui ha messo in fila gioie e frustrazioni, non ultima la sospensione decisa da Spalletti dopo un'intervista polemica. Boskov è stato il primo, Luciano l'ultimo: ma la stella di Totti continua a brillare anche da dirigente.

L'OMAGGIO DELLA FIFA

DELLA UEFA

E DELLA ROMA

TAGS:
Calcio
Totti
Roma
Olimpico
26 anni
Debutto
Mazzone
Boskov
Spalletti

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X