LA SENTENZA

Caso Diawara, respinto il ricorso della Roma: resta lo 0-3 a tavolino

Il Collegio di Garanzia del Coni ha confermato la sentenza della Figc e la vittoria per il Verona

  • A
  • A
  • A

Il Collegio di garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato dalla Roma sul caso Diawara, il giocatore giallorosso schierato contro l'Hellas dopo essere stato inserito nella lista sbagliata (quella Under 22, mentre il centrocampista aveva 23 anni). Resta quindi confermato il successo a tavolino per 3-0 assegnato al Verona. Sul campo la partita giocata a settembre al "Bentegodi", valida per la 1.a giornata di Serie A, era finita in parità.

"E' stato respinto - si legge nella nota del Collegio di Garanzia, presieduto da Franco Frattini - il ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 113/2020, presentato, in data 10 dicembre 2020, dalla A.S. Roma S.p.A., in persona del suo Direttore Generale, legale rappresentante pro tempore, CEO Guido Fienga, nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), in persona del Presidente legale rappresentante pro tempore, Gabriele Gravina, e della societa' Hellas Verona FC, in persona del legale rappresentante pro tempore, Amministratore Unico Sig. Maurizio Setti, per l'annullamento della decisione n. 13/2020-2021 della Corte Sportiva d'Appello Nazionale della FIGC del 10 novembre 2020, trasmessa via pec in pari data, con cui la suddetta Corte ha respinto il ricorso avanzato dalla ricorrente avverso la decisione del Giudice Sportivo c/o la Lega di Serie A, di cui al C.U. n. 32 del 22 settembre 2020, con il quale e' stata irrogata, a carico della A.S. Roma S.p.A., la sanzione della perdita della gara contro l'Hellas Verona, disputata in data 19 settembre 2020, valida per la prima giornata di Campionato di Serie A - s.s. 2020/2021, con il risultato di 0-3, per la violazione del punto 8 ed ai sensi del punto 9 del C.U. n. 83/A del 20 novembre 2014; e' stata, altresi', disposta la compensazione delle spese del giudizio".

La sconfitta a tavolino era già stata decisa a suo tempo prima dal Giudice Sportivo e poi dalla Corte Sportiva d'Appello della Federcalcio.

In classifica, così, la Roma resta a quota 50 punti come il Napoli, alle spalle dell'Atalanta, che al momento occupa l'ultimo posto valido per la Champions League. Il Verona, invece, è nono a 38.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments