De Laurentiis potrebbe vendere il Napoli: già rifiutata un'offerta da 400 milioni

L'indiscrezione di Carlo Festa de Il Sole 24 Ore: "Potrebbe concentrarsi sul Bari e comprare un club estero"

De Laurentiis potrebbe vendere il Napoli: già rifiutata un'offerta da 400 milioni

Un Napoli senza Aurelio De Laurentiis potrebbe essere più vicino di quel che si pensi: il presidente ha rifiutato un'offerta da 400 milioni di euro per l'intero pacchetto azionario, la base d'asta parte da 700 milioni. E, anche se ufficialmente non è stato incaricato alcun advisor per vendere il club, molte banche sono interessate al dossier. ADL sente di aver rilanciato al meglio il Napoli e potrebbe decidere di concentrarsi solo sul Bari e perseguire un vecchio sogno, l'acquisizione di un club estero.

Lo scenario illustrato da Carlo Festa su Il Sole 24 Ore parte da una domanda: De Laurentiis vuole vendere la società? Sì o no, non si scappa. Ma, racconta, la prima ipotesi è la più credibile visto che è riuscito a prendere il Napoli dal fallimento, lo ha riportato in Serie A per poi qualificarlo stabilmente in Europa oltretutto lasciando i conti in ordine.

Una sorta di "missione compiuta" che lascerebbe spazio a nuove sfide, una su tutte il rilancio in stile Napoli del Bari acquisito lo scorso agosto e poi, magari, comprare un club straniero "come massima aspirazione. La mia sensazione è che comunque abbia deciso di cedere gli azzurri, ma nella prossima stagione" citando testualmente Festa a Radio CRC.

TAGS:
Napoli
De laurentiis
Cessione
Vendita
Società
Offerta

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X