Sentenza Uefa: il Milan valuta il ricorso al Tas

A gennaio, però, sarà gran mercato: ecco perché

Il Milan vuole ripartire alla svelta dopo l'eliminazione dall'Europa League e la sentenza Uefa. I legali della società rossonera, affiancati da quelli di Elliott, stanno valutando il ricorso al Tas, lavoro frenetico per capire i margini di manovra: entro lunedì sarà presa una decisione definitiva. Il temuto blocco del mercato non c'è stato e per questo Gazidis, Leonardo e Maldini sono pronti ad accelerare per rinforzare la squadra già a gennaio.

Una finestra di mercato fondamentale per i rossoneri, addirittura di importanza strategica. Non solo perché c'è da raggiungere la qualificazione alla prossima Champions League, ma anche perché a giugno potrebbero esserci delle limitazioni. In primavera, infatti, la Uefa valuterà il bilancio 2017-2018, quello della gestione Yonghong Li-Fassone, e non sono escluse nuove sanzioni. Dei paletti da rispettare, un po' come quelli messi a Roma e Inter nel recente passato. Per questo motivo a Casa Milan si è deciso di investire subito, gennaio è una sorta di zona franca da sfruttare per evitare brutte sorprese in futuro.

Il pareggio di bilancio nel prossimo triennio non preoccupa e il fondo Elliott ha i soldi da investire. I nomi sono sempre i soliti, da Ibrahimovic a Fabregas, ma occhio anche a grandi colpi. Centrocampo e attacco sono da rinforzare, mentre i rientri di Romagnoli e Musacchio hanno fatto rientrare l'emergenza in difesa. Gattuso aspetta fiducioso.


TAGS:
Milan
Uefa
Mercato
Ricorso

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X