SERIE A

Milan: Pioli lavora su intensità e dialogo

Le mosse del tecnico rossonero volte a ritrovare serenità. Nel 4-3-3 "tutti" al servizio di Piatek

  • A
  • A
  • A

Con il graduale rientro dei nazionali, il lavoro di Stefano Pioli per rilanciare il Milan entra nel vivo. Eppure è già chiara la strada scelta dal tecnico per raddrizzare una stagione iniziata in modo negativo: meno schemi, più test atletici per puntare sull'intensità e dialogo con i giocatori per liberare la testa e ricreare una fiducia nel gruppo. Un'iniezione di serenità ed entusiasmo che va oltre qualsiasi alchimia tattica.

Non che Pioli non pensi pure a quello, è già chiara l'intenzione di puntare sul 4-3-3 rilanciando Paquetà (nonostante le voci che lo vedono le mirino del Paris Saint Germain) a fianco del fidato Biglia. Un'idea che sposterebbe Bennacer nella posizione di mezzala: l'algerino nelle idee di Giampaolo doveva essere il regista, ma può adattarsi anche lateralmente in un centrocampo a tre fermo restando la concorrenza di Kessie.

In avanti tutto ruota attorno a Piatek. Accantonata (per il momento?) l'idea di coinvolgere maggiormente il polacco nel gioco di squadra, per farlo tornare sui livelli realizzativi dell'inizio della scorsa stagione, Pioli lo lascerà come unico riferimento offensivo con il "solo" compito di segnare. Magari con l'aiuto di Leao, giocatore molto gradito al nuovo allenatore, e Suso, in cerca di rilancio.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments