MILAN

Milan, Tomori: "Il contratto, la Champions, i tifosi e... la Juve: il pieno di fiducia"

Il centrale ex Chelsea punto di forza dei rossoneri: "L'Europa a San Siro grande emozione"

  • A
  • A
  • A

 Preso in prestito a gennaio e riscattato a fine campionato dopo aver convinto tutti - dirigenza, tecnico, compagni, tifosi- con ottime prestazioni. Ora Fikayo Tomori ritrova un Milan più consapevole della propria forza e più ambizioso negli obiettivi. Ma soprattutto è lui che riparte con il pieno di fiducia: "Negli ultimi anni sono stato spesso in prestito - ha dichiarato l'ex Chelsea  MilanTv - e spesso a inizio stagione non è stato facile. Poter iniziare la preparazione insieme alla squadra e con una situazione stabile sarà di certo un vantaggio".

Dagli highlights degli ultimi sei mesi alle prospettive future il tratto unificante nei pensieri di Tomori è la Champions sognata e guadagnata e ora tutta da giocare davanti, si spera, ai tifosi rossoneri: "Qui mi sento bene, sono felice. Sento la fiducia di tutti e questo mi fa avere fiducia in me, permettendomi di rendere al meglio e di avere ulteriori motivazioni. Da difensore voglio sempre mantenere la porta inviolata. Questo aumenta le chance della squadra di vincere le partite e alla fine della scorsa stagione i cinque clean sheet mantenuti ci hanno aiutato a raggiungere la Champions League. Sono molto emozionato, il Milan ha una grande tradizione in questa competizione. C’è un rapporto speciale tra il Milan e la Champions e non vedo l’ora di giocare in un San Siro pieno di tifosi, una cosa che purtroppo non ho ancora potuto vivere".

L'Europa, di certo, ma anche il campionato, con l'obiettivo di migliorare il secondo posto dell'anno scorso. Con un calendario particolare, asimettrico: "In Serie A ci sono molte ottime squadre e tutte vanno affrontate due volte. Non importa quando le incontri, ma quando succede bisogna farsi trovare pronti. Per questo durante la preparazione lavoriamo duramente per farci trovare pronti. Quando iniziano le partite vogliamo essere pronti e speriamo di riuscirci. Affrontare Juventus, Inter, Roma, tutte le grandi, l’Atalanta, non è mai facile e non importa quando le incontri". Sperando, a livello personale, di ripetere quanto di buono fatto da gennaio a maggio: "Ero a Londra - racconta Tomori - dove ci sono diversi tifosi italiani e del Milan. Alcuni mi hanno fatto i complimenti per il mio gol contro la Juve. Mi è capitato in vacanza che alcune persone me lo dicessero. È una cosa alla quale penso spesso, è stato il mio primo gol con il Milan e poi proprio contro la Juve. Non lo scorderò mai".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments