La Lazio compie 119 anni, la festa si trasforma in scontri tra tifosi e polizia

Sette poliziotti feriti e tre tifosi fermati nella notte a Roma

La Lazio compie 119 anni, la festa si trasforma in scontri tra tifosi e polizia

Come ogni anno, i tifosi della Lazio si sono dati appuntamento in piazza della Libertà per festeggiare il compleanno del club fondato il 9 gennaio 1900. Questa volta, però, la festa con circa 2500 persone si è traformata in scontri con la polizia. Un gruppo di ultras, a volto coperto, si è staccato e ha iniziato a lanciare bottiglie contro la polizia che ha risposto con cariche e idranti. Al momento si contano sette poliziotti feriti, un tifoso arrestato e tre fermati.

All'evento, a sorpresa, ha partecipato anche il presidente Claudio Lotito. "Gli auguri che faccio alla Lazio è che riacquisti quel ruolo importante e trainante. La società non ha interesse ad essere indebolita o rafforzata in questo momento. Quello che sarà possibile fare sul mercato in relazione, sarà fatto. Anche i tifosi devono essere uniti per poter raggiungere quello che noi ci siamo prefissati", le parole riportate da Romatoday.

LA REAZIONE DI LOTITO: "NON RISPONDO DELLE AZIONI DEI TIFOSI"

Claudio Lotito, patron della Lazio, ha commentato così gli scontri che hanno visto protagonisti ieri sera i tifosi del club laziale: “La responsabilità, come ha detto il ministro Salvini è personale e io rispondo dei comportamenti della società e non dei singoli tifosi. Per me i tifosi sono quelli che partecipano in modo appassionato alla vita della squadra del cuore nel rispetto delle regole, gli altri fanno delle scelte diverse e ne risponderanno. Chi tifa lo deve fare nel rispetto delle regole, e noi cerchiamo di adottare comportamenti che sono all'insegna dei valori fondanti della società civile".

TAGS:
Lazio
Compleanno
Roma
119 anni

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X