JUVENTUS-MILAN 1-1

Serie A, Juventus-Milan 1-1: Pioli aggancia l'Inter in vetta

Bianconeri avanti con Morata, ma raggiunti da un colpo di testa di Rebic: milanesi lontane 8 punti

di
  • A
  • A
  • A

Finisce in parità 1-1 il big match della 4a giornata di Serie A tra Juventus e Milan, un risultato che consente ai rossoneri di agguantare l'Inter in vetta, mentre i bianconeri ancora senza vittorie hanno solo 2 punti. Un contropiede di Morata al 4' porta avanti i padroni di casa, che vanno vicini al raddoppio ancora con lo spagnolo e poi con Dybala. La squadra di Pioli cresce nella ripresa e trova il pari con un colpo di testa di Rebic (76').

LA PARTITA
Juve e Milan si dividono un tempo e un punto a testa, ma il risultato dello Stadium fa più sorridere i rossoneri soprattutto guardando la classifica. La squadra di Allegri, ancora a secco di vittorie, rimane nei bassifondi con soli due punti in 4 giornate, un evento successo solo 4 volte nella storia e che non si vedeva 60 anni. Pioli può essere soddisfatto della reazione della squadra dopo un primo tempo sottotono e per un pareggio ottenuto meritatamente con tante defezioni, l'ultima l'infortunio di Kjaer. Anzi, con un po' più di fortuna il Diavolo poteva anche fare il colpaccio, sfumato per grande parata di Szczesny su Kalulu nei minuti finali. In casa Juve c'è rammarico per non aver chiuso la gara nel primo tempo tempo e allo stesso tempo preoccupazione per l'ennesima rimonta subita e il calo fisico generale. Così, mentre i ragazzi di Pioli si lasciano alle spalle la sconfitta di Anfield e lanciano un chiaro messaggio in chiave Scudetto, a Torino il cantiere è ancora aperto e la fine dei lavori sembra bel lontana.

Un solo cambio rispetto a Malmoe: Chiellini per De Ligt, con i recuperati Chiesa e Bernardeschi che partono dalla panchina. Milan falcidiato dalle assenze, ben 7: Tomori terzino destro, Rebic la punta più avanzata. Alla prima occasione la Juve passa grazie a un contropiede da manuale: Dybala innesca Morata che si invola verso Maignan e lo fa secco con un colpo sotto. E' il gol numero 50 con la maglia bianconera. Il gol stordisce i rossoneri, che tra il 16' e il 18' sfiorano due volte di subire il raddoppio: prima lo spagnolo con una zampata anticipa Kjaer e Maignan si salva in angolo; poi il numero 1 transalpino si distende e mette in angolo un destro dal limite della Joya. La squadra di Pioli senza torri è costretta a giocare solo palle a terra, ma non riesce mai a entrare in area con pericolosità. Per di più il tecnico perde anche Kjaer per un problema muscolare e i soli pericoli per Szczesny arrivano solo da un paio di tiri di Tonali, centrale il primo (24') largo il secondo nel finale della prima frazione.

Nella ripresa il Diavolo alza il baricentro e si fa più coraggioso, creando pericoli soprattutto sulla destra. La Juve si abbassa e vuole sfruttare le ripartenze, ma senza troppo successo. Kalulu mette in mezzo diversi cross, ma in area mancano Ibra e Giroud. Assenze che non si fanno sentire al minuto 76': il corner di Tonali pesca la testa di Rebic, bravo ad anticipare Locatelli e a siglare il pareggio. Gli ingressi di Kean (per l'infortunato Morata), Chiesa e poi di Kulusevski per un arrabbiato Dybala non spaiano le carte in tavola. Così l'ultima ghiotta occasione capita agli ospiti: Hernandez fa la cosa più bella della sua non esaltante prova servendo l'accorrente Kalulu che costringe Szczesny a un autentico miracolo. Il portiere polacco blinda così l'1-1 e riscatta le ultime opache prestazioni, evitando ad Allegri il terzo ko in campionato. 

LE PAGELLE
Morata 7
- Anche contro il Milan conferma l'ottimo momento di forma. Il gol numero 50 in bianconero è di pregevole fatto, con un bel tocco sotto. Lotta su ogni pallone fino a quando non si fa male e deve chiedere il cambio.
Dybala 6,5 - L'assist per il gol di Morata vale da solo il prezzo del biglietto. Qualche altra bella giocata, poi nella ripresa si spegne come tutta la squadra. Nervoso al momento della sostituzione
Locatelli 5,5 - Buona partita complessiva, ma con neo gigantesco, perché è lui a perdersi Rebic in occasione del pareggio bianconero.

Tomori 7 - Comincia a destra, poi con l'infortunio di Kjaer torna al centro. Ovunque lo metti l'ex Chelsea è un muro insuperabile. Pregevole il recupero su Rabiot nel primo tempo.
Rebic 6,5 - Non la vede praticamente mai, si lamenta con compagni e avversari, ma ha il merito di trovare la zuccata del pareggio. Davvero un bel gol, il secondo in pochi giorni e il primo in campionato.
Leao 5 - Prestazione irritante del portoghese, che nel primo tempo non la vede mai e nella ripresa sbaglia sempre l'ultimo passaggio. Le qualità ci sono, la continuità non ancora.

IL TABELLINO
JUVENTUS-MILAN 1-1
Juventus (4-4-2)
: Szczesny 6,5, Danilo 6, Chiellini 6,5, Bonucci 6, Alex Sandro 5,5, Cuadrado 5,5 (27' st Chiesa 5,5), Bentancur 6, Locatelli 5,5, Rabiot 5,5, Dybala 6,5 (34' st Kulusevski sv), Morata 7 (21' st Kean 5). A disp.: Pinsoglio, Perin, De Sciglio, Pellegrini, De Ligt, Rugani, Ramsey, McKennie, Bernardeschi. All.: Allegri 6
Milan (4-2-3-1): Maignan 6,5, Tomori 7, Kjaer 6 (36' Kalulu 6,5), Romagnoli 6, Theo Hernandez 5,5, Kessie 5 (19' st Bennacer 6), Tonali 6,5, Saelemaekers 5,5 (18' st Florenzi 6), Brahim Diaz 6 (48' st Maldini sv), Leao 5, Rebic 6,5. A disp.: Jungdal, Tatarusanu, Ballo-Touré, Conti, Gabbia, Castillejo, Pellegri. All.: Pioli 6
Arbitro: Doveri
Marcatori: 4' Morata (J), 31' st Rebic (M)
Ammoniti: Tonali (M), Dybala (J)
Espulsi: -
Note: -

LE STATISTICHE
•    La Juventus non ha vinto nessuna delle prime quattro partite stagionali di Serie A per la quarta volta nella sua storia, dopo il 1961/62, 1955/56 e il 1942/43.
•    La Juventus ha perso sette punti da situazione di vantaggio in questo campionato, ne aveva persi 10 in tutta la scorsa Serie A.
•    Il Milan è rimasto imbattuto per due gare di fila di campionato contro la Juventus per la prima volta dal 2012.
•    Il Milan ha evitato la sconfitta in un match di Serie A in casa della Juventus dopo essere andato sotto nel punteggio per la prima volta da febbraio 1996, pareggio di Weah al gol di Conte.
•    Ante Rebic é il primo giocatore del Milan ad andare in gol per tre presenze di fila contro la Juventus nell'era dei tre punti a vittoria.
•    Le due vittime preferite in Serie A di Ante Rebic sono di Torino: 5 gol ai granata, 3 ai bianconeri.
•    La Juventus ha subito gol nelle ultime 18 partite di campionato, solo due volte ha fatto peggio in Serie A: 19 nel 2010 e 21 nel 1955. La formazione bianconera è infatti quella che subisce gol da più partite di fila (18) nei Top-5 campionati europei dallo scorso 5 marzo.
•    Quello di Morata é il gol piú rapido della Juventus al Milan in Serie A da quello di Antonio Conte al 3' del febbraio 1996.
•    Quello odierno, dopo 3' e 36'', é il gol piú rapido segnato da Alvaro Morata in Serie A.
•    Morata si trova ora a quota 50 gol con la maglia della Juventus in tutte le competizioni. Lo spagnolo ha preso parte a 4 gol in 5 sfide di Serie A contro il Milan
•    Paulo Dybala ha preso parte attiva a 12 gol (7 reti e 5 assist) in 13 sfide contro il Milan in Serie A.
•    Leonardo Bonucci (447) entra oggi nella Top-10 dei giocatori con più gare giocate con la maglia della Juventus considerando tutte le competizioni, eguagliando Franco Causio (447).
•    La Juventus ha segnato tutti e 4 i suoi gol in questo campionato nei primi 23 minuti di gioco, tre dei quali nei primi 10 minuti.
•    La Juventus ha subito 3 gol negli ultimi 15 minuti del secondo tempo, solo l'Hellas Verona (4) e Salernitana (4) ne contano di più in questa stagione di Serie A.
•    Nessuna squadra ha segnato più reti di testa del Milan contro la Juventus allo Stadium in Serie A (quattro con Antonelli, Bonucci, Tomori e Rebic - al pari del Genoa).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments