L'ANALISI

La Juve è risorta, Ronaldo prova a guidare la rimonta sull’Inter

Bianconeri potenzialmente a meno 5 e con lo scontro diretto da giocare, intanto il portoghese batte un altro record e si riprende il titolo di capocannoniere

  • A
  • A
  • A

“Noi anti-Inter? La classifica dice che tutte quelle che stanno dietro i nerazzurri sono antagoniste e noi siamo una di quelle". Andrea Pirlo non si nasconde dopo la vittoria contro il Crotone e candida la sua Juventus tra le pretendenti allo scudetto nonostante gli otto punti di ritardo dai nerazzurri. La matematica d’altronde dà ragione al tecnico bianconero, che vincendo la gara da recuperare col Napoli e poi lo scontro diretto con la squadra di Conte sarebbe lontano soltanto due punti. Non due partite facili, certo, ma con un Cristiano Ronaldo così sembra davvero tutto in discesa.

Con Pirlo si sta vedendo il miglior CR7 mai visto in Italia e il più inserito nel collettivo, il Crotone diventa la 78esima squadra a cui ha segnato nei top 5 campionati europei (solo Ibra ha fatto meglio, 79) e con la doppietta rifilata ai calabresi il portoghese supera nuovamente Lukaku in testa alla classifica dei cannonieri della Serie A (Ronaldo ha ora segnato a tutte le squadre affrontate che fanno parte dell'attuale Serie A: 18 su 18). Una supersfida tra bomber che promette di proseguire per tutto il campionato e che potrebbe anche deciderlo, ma le buone notizie per Pirlo arrivano anche dal centrocampo, dove Chiesa ha dimostrato che a destra dà il meglio di sé e McKennie sembra finalmente tornato sui suoi livelli dopo un periodo di appannamento.

Certo, le difficoltà restano e le recenti sconfitte con Napoli e Porto stanno lì a dimostrarlo, ma quella col Crotone è stata una vittoria fondamentale per ripartire, ritrovare morale e anche per esplorare qualche alternativa da utilizzare in questo difficile periodo. De Ligt e Demiral danno ampie garanzie quando mancano Bonucci e Chiellini, Morata ha dimostrato anche in pochi minuti che se sta bene il titolare è lui (Kulusevski da attaccante non convince ancora del tutto), mentre Fagioli ha fatto subito una buona impressione e potrà tornare utile nelle rotazioni. In attesa del rientro dei vari Dybala, Arthur, Cuadrado eccetera (a Verona mancherà anche Danilo squalificato), Pirlo esplora le alternative e ricarica le pile in vista della sfida di ritorno col Porto, vero crocevia della stagione.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments