L'ANALISI

Juventus, terzo clean sheet in fila: Allegri ha ritrovato la solidità

Szczesny pararigori e difesa blindata, aspettando Dybala il tecnico mette l’Inter nel mirino

  • A
  • A
  • A

Tre indizi fanno una prova, la Juventus di Massimiliano Allegri è tornata. Le quattro vittorie di fila in Serie A e gli ultimi tre successi (compreso quello sul Chelsea) tutti per 1-0 certificano che il tecnico ha raddrizzato la rotta dopo un avvio da incubo e ora punta dritto al terzo posto dell’Inter, avversario domenica prossima nel big match di San Siro. Tre clean sheet consecutivi sono la chiara dimostrazione dell’inversione di tendenza della Vecchia Signora, che negli ultimi 10 anni non aveva mai subito tanti gol (10) nelle prime giornate, e l’uomo simbolo di questa inversione è Wojciech Szczesny.

Il portiere polacco, criticatissimo a inizio stagione per gli errori con Udinese e Napoli, ha ipnotizzato Veretout diventando il portiere che ha parato più rigori in Serie A nell’anno solare 2021 (tre, su sette affrontati), ma aveva già dimostrato di essere tornato ai suoi livelli con la gran parata su Mancini dopo sei minuti. “I suoi errori erano arrivati tutti insieme, adesso ha ritrovato continuità di rendimento: Szczesny ci ha ridato il suo valore”, ha detto a fine partite Max Allegri, che si gode anche la ritrovata solidità data dalla coppia difensiva, stavolta Bonucci-Chiellini ma nelle ultime due aveva giocato De Ligt, e dalla copertura data da Locatelli davanti alla difesa.

Danilo terzino aggiunto garantisce equilibrio, ma contro la squadra di Mourinho (era da marzo 2010 che una squadra dello Spacial One non chiudeva una gara di Serie A senza andare a segno) è stato convincente anche Mattia De Sciglio. La vittoria dello Stadium ridà morale a lui e a molti altri come Arthur e Bernardeschi e, aspettando il ritorno di Dybala e i gol di un attacco ancora un po’ spuntato, ribadisce al gruppo che ha dominato gli ultimi anni in Italia che oggi le caratteristiche della squadra sono essenzialmente queste, una formazione che non ha i giocatori per imporre il proprio gioco, ma che deve chiudersi, spesso soffrire e ripartire, quello che ha fatto è che Allegri voleva.

Ora la doppia sfida con Zenit e Inter che può essere decisiva per il passaggio del turno in Champions e per recuperare il gruppone in campionato. Tre indizi fanno una prova, ma questa per i bianconeri è la settimana della prova del nove.

Vedi anche Juventus, Allegri: "La Roma avrebbe ampiamente meritato il pareggio" juventus Juventus, Allegri: "La Roma avrebbe ampiamente meritato il pareggio"

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments