QUI JUVE

Juventus, Pirlo: "La svolta dopo la Supercoppa. Ronaldo? Giusto che riposi un po'"

Il tecnico dopo l'Inter: "Se restiamo concentrati possiamo ottenere grandi risultati"

  • A
  • A
  • A

Successo in rimonta in casa dell'Inter nella semifinale di Coppa Italia, una bella rivincita per Andrea Pirlo: "In campionato è stato un passo a vuoto e quella sconfitta ci ha aiutato, non eravamo noi - ha commentato il tecnico bianconero -. Abbiamo vinto il primo round, ma non abbiamo ancora fatto niente". La Juventus ha mostrato di essere cresciuta negli scontri con le big: "Sappiamo che se siamo concentrati possiamo giocarcela con tutti. Sappiamo la nostra forza, se facciamo il nostro meglio i risultati arriveranno".

pirlo
Getty Images

Cristiano Ronaldo, doppietta, non ha preso bene la sostituzione: "E' normale che non fosse contento, ma dobbiamo preservarlo anche per il campionato. Se anche esce qualche minuto prima va bene. Ha dimostrato ancora una volta il suo valore, ma sabato abbiamo una sfida importante ed è giusto farlo riposare ogni tanto". Pirlo ha potuto far riposare diversi uomini chiave: "Abbiamo preparato bene la partita, i ragazzi erano convinti del piano tattico e chi gioca o meno conta poco nelle nostre sicurezze. Abbiamo affrontato bene l'Inter fin dal primo minuto e c'è stata una grande reazione dopo essere andati sotto".

Il turnover ha premiato: "Ho scelto la squadra in base all'avversario e alle condizioni fisiche. Abbiamo una rosa ampia e ho scelto quelli che per me erano i migliori per stasera - ha commentato Pirlo -. Hanno dimostrato tutti di essere all'altezza". Un po' di sofferenza nella ripresa c'è stata: "Merito dell'Inter, dovevano recuperare il risultato e ci hanno fatto abbassare il baricentro. Impossibile tenere un ritmo frenetico per novanta minuti ed essere aggressivi, ma siamo sempre stati ordinati e quando stai bene in campo soffri meno".

La Supercoppa italiana ha segnato la svolta della stagione: "Alzare una coppa ci ha dato grande forza, soprattutto perché è arrivata pochi giorni dopo una brutta sconfitta. Abbiamo capito che siamo ancora forti e possiamo competere per tutti gli obiettivi". Il ciclo di partite nelle prossime settimane è impegnativo: "E' da settembre che giochiamo ogni tre giorni. A febbraio ci saranno gare importanti, ma penseremo un passo per volta".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments