FESTA JUVE

Juve, Agnelli e Sarri in coro: "Lo scudetto è un obbligo"

Festa di Natale bianconera, il presidente esalta il tecnico: "La nostra ferocia è uguale alla tua"

  • A
  • A
  • A

 La prima sconfitta stagionale e il secondo posto in classifica bruciano in casa Juve, ma per la festa di Natale bianconera società, tecnico e giocatori fanno gruppo e si presentano uniti più che mai. Uniti nel sostenere la nuova strada intrapresa dopo l'addio ad Allegri e negli obiettivi da inseguire con la solita determinazione. Non a caso sul palco delle Officine Grandi Riparazioni, teatro del party Juve, a colpire è soprattutto l'abbraccio tra Agnelli e Sarri. Un gesto che racconta unità di intenti e fiducia. Rafforzato da parole forti e chiare. "La nostra ferocia è uguale alla tua", ha detto il presidente. "Lo scudetto è un obbligo", ha replicato il tecnico.

"Quando quest'estate andavamo in giro con Paratici a cercare di capire quella che doveva essere la Juve del futuro, una persona ci ha ascoltato e creduto - ha spiegato Agnelli prendendo la parola sul palco ed esaltando la scelta del nuovo allenatore -. E nella prima conferenza stampa ha ricordato la ferocia e volontà con cui l'abbiamo voluto". "Maurizio, hai colto una sfida dura e difficile, ma che insieme sappiamo di poter vincere".

Dichiarazioni di stima che hanno lasciato il segno durante il "battesimo bianconero" di Sarri e a cui il tecnico ha risposto senza nascondersi. "Questa per me è una sfida importante - ha ammesso -. E' già stata difficile nel momento in cui ho accettato. Perché sono arrivato in una squadra e in una società che hanno vinto tanto. E ritagliarsi una pagina importante in una società così ricca di storia è difficile per chiunque". "Vogliamo continuare a vincere in Italia e essere competitivi in Europa - ha aggiunto il tecnico -. In Italia vincere lo scudetto lo avvertiamo quasi come un obbligo, mentre in Europa non lo sentiamo così, ma solo come una grande sfida per fare contento tutto il popolo bianconero". "Non sarà facile, ma sono contento di essere qui e di aver accettato questa sfida", ha concluso Sarri. In casa Juve società e tecnico hanno idee chiare e unità di intenti.

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments