BOLOGNA-INTER 1-2

Serie A, Bologna-Inter 1-2: Lukaku firma la rimonta al Dall'Ara

La doppietta del belga regala i tre punti a Conte al 91' dopo il vantaggio di Soriano

di
  • A
  • A
  • A

L'Inter soffre ma vince in rimonta 2-1 sul campo del Bologna e ringrazia Lukaku, autore della doppietta decisiva. Dopo un primo tempo avaro di emozioni, i rossoblù sbloccano il match con un tiro di Soriano dal limite che sorprende Handanovic. Nel finale però si scatena Lukaku che pareggia al 75' e poi firma la rimonta dal dischetto in pieno recupero dopo il rigore conquistato da Lautaro. Per il belga nove gol in 11 partite come il Fenomeno.

LA PARTITA

L'Inter è infallibile lontano da San Siro. In un modo o nell'altro, dominando o soffrendo, gli uomini di Antonio Conte si confermano l'unica squadra in Europa ad aver vinto tutte le trasferte di campionato in stagione. Il 2-1 contro il Bologna ha portato tre punti sofferti, come quelli col Sassuolo o col Brescia, ma comunque vitali nella corsa al vertice che Lukaku e compagni stanno portando avanti da inizio stagione. Al Dall'Ara il successo è arrivato con una rimonta nel finale firmata dal centravanti belga, paragonabile a Ronaldo il Fenomeno nei numeri (9 gol nelle prime 11 partite di campionato) e - eresie a parte - fondamentale per gettare il cuore oltre un ostacolo tosto come il Bologna di Mihajlovic. I rossoblù hanno pagato la doppia ingenuità di Mbaye e Orsolini al novantesimo dopo una partita ben giocata e soprattutto ben gestita.

La stanchezza delle tante partite ravvicinate e una rosa corta nelle scelte, con la partita di Dortmund all'orizzonte, ha frenato l'intensità dell'Inter, sorpresa all'inizio da un Bologna aggressivo e organizzato, pronto a colpire in verticale sfruttando i movimenti dei quattro giocatori offensivi schierati da Mihajlovic. La sorpresa però a tinte nerazzurre ha preso la forma di Valentino Lazaro che, schierato per la prima volta titolare da Conte, per tutto il primo tempo ha percorso con qualità la fascia destra facendo spiovere in area palloni interessanti per Lautaro Martinez, non sfruttati dall'argentino. Tra le conclusioni centrali dell'Inter e quelle fuori di poco del Bologna, per i due portieri i pensieri sono stati relativamente pochi, se non per il gol annullato a Lautaro Martinez.

Nella ripresa qualcosa è cambiato soprattutto per merito del Bologna, almeno inizialmente. Al 59' una bella azione manovrata da destra a sinistra da Orsolini e Soriano, ha portato lo stesso trequartista a trovare il gol del vantaggio con una conclusione dal limite deviata da De Vrij quel tanto che è bastato per sorprendere Handanovic. Sotto di un gol l'Inter, anche attraverso i cambi, ha alzato il baricentro senza però mai dare l'impressione di assediare l'area rossoblù. Tanto è bastato però per trovare i due episodi decisivi: il primo al 75' dagli sviluppi di un corner, quando la giocata di Skriniar in area parata da Skorupski ha recapitato il pallone sui piedi di Lukaku (tenuto in gioco per questione di centimetri da Svanberg) per il gol del pareggio a porta vuota. Poi l'epilogo finale con la doppia frittata di Mbaye, che non rilancia in maniera decisa un pallone regalando la rimessa laterale offensiva all'Inter, e Orsolini, che interviene in maniera inopportuna su Martinez concedendo a Lukaku il pallone della vittoria calciato in porta dal dischetto.

--
LE PAGELLE

Lukaku 7 - Decisivo e implacabile, anche in una partita senza troppi acuti prima del quarto d'ora finale. Doppietta con un primo tap-in da centravanti di razza e con estrema freddezza dal dischetto nel recupero.

Lautaro 6,5 - Anche per lui una serata difficile, ma con le sue giocate dà sempre la sensazione di essere pericoloso. Nel primo tempo non trova la spunto giusto per segnare, ma nel finale è decisivo procurandosi il rigore della vittoria.

Orsolini 4,5 - Il modo in cui atterra Martinez in pieno recupero è da mani nei capelli per i rossoblù. Un intervento davvero evitabile che ha condannato la sua squadra.

Lazaro 6,5 - Al Dall'Ara prima da titolare in nerazzurro per l'austriaco che è sbocciato passando da comparsa a piacevole sorpresa. Sulla destra alterna giocate in mezzo al campo e strappi sulla fascia che mettono in difficoltà  Krejci. Due assist nel primo tempo non vengono sfruttati dai compagni.

Palacio 6,5 - Lotta e corre come un ragazzino per tutta la partita e con i suoi movimenti manda spesso in tilt la fase difensiva nerazzurra.

--
IL TABELLINO
BOLOGNA-INTER 1-2
Bologna (4-2-3-1):
Skorupski 6,5; Mbaye 5, Bani 6, Danilo 6, Krejci 6; Svanberg 6,5, Poli 6,5 (27' st Medel 5,5); Orsolini 4,5, Soriano 6,5 (31' st Dzemaili 6), Sansone 6 (38' st Santander sv); Palacio 6,5. A disp.: Da Costa, Sarr, Denswil, Paz, Skov Olsen, Corbo, Juwara, Cangiano, Schouten. All.: Tanjga 6,5.
Inter (3-5-2): Handanovic 5,5; Skriniar 6,5, De Vrij 6, Bastoni 6; Lazaro 6,5 (39' st Politano sv), Gagliardini 5 (27' st Vecino 5,5), Brozovic 5, Barella 6, Biraghi 5,5 (29' st Candreva 6); Lautaro 6,5, Lukaku 7. A disp.: Padelli, Berni, Godin, Ranocchia, Sensi, Borja Valero, Dimarco, Esposito. All.: Conte 6.
Arbitro: La Penna
Marcatori: 14' st Soriano (B), 30' st Lukaku (I), 46' st rig. Lukaku (I)
Ammoniti: Danilo, Bani, Medel (B); Brozovic, Gagliardini, Skriniar, Vecino (I)
Espulsi: nessuno
--

LE STATISTICHE

•    L’Inter è l’unica squadra dei cinque maggiori campionati europei che ha vinto tutte le trasferte stagionali in campionato (sei su sei).
•    L’Inter ha vinto le ultime sei gare esterne di Serie A: non otteneva così tanti successi di fila fuori casa nella competizione da novembre 2012.
•    Antonio Conte ha ottenuto i tre punti in ciascuna delle ultime otto partite esterne da allenatore di Serie A (compreso il suo periodo alla Juventus): suo record nella competizione.
•    Romelu Lukaku è il primo giocatore dell'Inter a segnare almeno nove gol nelle prime 11 partite giocate dall'Inter in Serie A alla prima stagione in nerazzurro da Ronaldo nel 1997/98.
•    L'Inter ha schierato il suo 11 di partenza più giovane (25 anni e 266 giorni) in Serie A da agosto 2015 contro l'Atalanta (25 anni e 246 giorni).
•    Nessuna squadra ha segnato più reti dal dischetto dell’Inter nei cinque maggiori campionati europei (cinque, al pari del Valencia).
•    L'Inter è la squadra che ha segnato più reti da palla inattiva in questo campionato (10 gol).
•    Milan Skriniar ha disputato la sua gara numero 100 con la maglia dell'Inter in tutte le competizioni, tutte da titolare.
•    Lukasz Skorupski è il primo portiere di questo campionato a parare più di un tiro a Romelu Lukaku (tre parate).
•    Roberto Soriano ha segnato la sua 21ª rete in Serie A, la quinta da fuori area (incluse tre delle ultime sei).
•    Valentino Lazaro è il primo giocatore austriaco a giocare un match di Serie A da titolare con la maglia dell'Inter nell'era dei tre punti a vittoria (dal 1994/95).
--

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments