Rivoluzione Inter, Sabatini presentato in Cina: coordinatore tecnico delle squadre di Suning

L'ex ds della Roma: "Qui per lavorare sia per l'Inter sia per lo Jiangsu. Farò la spola Europa-Cina"

Rivoluzione Inter, Sabatini presentato in Cina: coordinatore tecnico delle squadre di Suning

La rivoluzione Inter si compone di un altro tassello, forse uno dei più pesanti. A Nanchino, in Cina, nel quartier generale del Gruppo Suning, Walter Sabatini è stato presentato in una conferenza stampa: l'ex ds della Roma è il nuovo coordinatore dell'area tecnica per le squadre di Suning, e cioè l'Inter e lo Jiangsu. "È un grande onore essere qui, non me lo sarei mai aspettato nella vita. Sento fortissimamente la responsabilità che mi dà Suning".

Rivoluzione Inter, Sabatini presentato in Cina: coordinatore tecnico delle squadre di Suning

In prima fila Steven Zhang, sul palco Walter Sabatini. Che ammette: "Non è la prima volta che vengo in Cina, ma la seconda. La prima volta ci sono venuto di nascosto. Io sono un uomo ambizioso e mi rendo conto dell'impegno che mi è stato affidato". Sabatini, dunque, si occuperà, in qualità di direttore tecnico, della gestione sportiva, dei trasferimenti e del settore giovanile sia dell'Inter che dello Jiangsu Suning, l'altra squadra di proprietà di Zhang Jindong (che ha il controllo anche su due squadre satellite, il Gil Vicente in Portogallo e il Mouscroun in Belgio). Sabatini farà la spola tra Milano e Nanchino: "Non sarò sempre in Cina, ma avrò dei miei uomini che in passato hanno collaborato con me che faranno le mie veci quando sarò in Europa".

Un incarico che bisognerà "pesare" nell'economia della gestione sportiva dell'Inter, dove Ausilio resterà ds. E bisognerà capire anche l'influenza sulla scelta dell'allenatore, tra Spalletti e Conte. In realtà, nella conferenza stampa di presentazione, Sabatini non ha toccato argomenti caldi a livello nerazzurro, ma ha spiegato quale sarà il suo incarico e come agirà: "L'obiettivo della classe dirigente di Suning non è primeggiare solo con la prima squadra - che ora è in un momento delicato ma che supereremo lavorando sodo - ma di creare una cultura interna al club. Noi dobbiamo essere la locomotiva di questa crescita. Inter e Jiangsu Suning devono crescere parallelamente: è la mia missione. Già da domani inizierò i colloqui con l'allenatore dello Jiangsu per conoscere i problemi e per aiutarlo a risolverli. Chiamerò anche Marcello Lippi (ct della Cina, ndr), mi farò spiegare anche da lui come funziona qui".

Sabatini, con affianco un traduttore per la stampa cinese, ha spiegato: "Non voglio che venga fatta una distinzione tra Jiangsu e Inter. I problemi di Suning devono essere gli stessi, devono essere comuni: bisogna essere un unico grande gruppo di lavoro. Dal canto mio aiuterò moltissimo i dirigenti del gruppo cinese. Se una squadra perde e l'altra vince non si può essere soddisfatti al 100%. Perseguiremo la strategia più adatta e produttiva per Suning".

Infine una chiosa sulla situazione delicata in classifica dello Jiangsu, senza invece parlare dell'Inter: "Siamo sorpresi della classifica attuale e dai punti conquistati finora, il valore della rosa non è questo".

TAGS:
Suning
Pioli
Conte
Spalletti
Sabatini

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X