Inter, scatta l'ora di Sanchez: verso il turnover con Lazio e Samp

Il tecnico vuole alzare i giri del motore dell'intera rosa in vista di Barcellona e Juve

  • A
  • A
  • A

Adesso si cambia, un po' per scelta, soprattutto necessità: Lazio e Sampdoria e poi ancora Barcellona e Juventus, dopo il derby vinto contro il Milan Conte mette in agenda il turnover. Per scelta: perché deve testare il livello di inserimento di elementi come Sanchez, Biraghi e Lazaro ad esempio. Per necessità: perché se in difesa ha già alternato diversi giocatori, a centrocampo (sugli esterni soprattutto) e in avanti il tecnico dell'Inter ha bisogno di dosare le forze.

Si parte dunque da mercoledì sera. Contro la Lazio (avversario quanto mai ostico a San Siro negli ultimi anni) è prevedibile un buon minutaggio per Alexis Sanchez, utilizzato sinora solo per un quarto d'ora scarso contro l'Udinese, e per Biraghi. Se il cileno può indistintamente prendere il posto di Lautaro o Lukaku (senza dimenticare che anche Politano si candida per una maglia da titolare), l'ex viola consentirà ad Asamoah (finora sempre utilizzato) di riprendere fiato. Difficile immaginare troppi cambi, ma anche per Lazaro (visto in campo solo in Champions contro lo Slavia) è prevedibile un minutaggio più sostenuto tra mercoledì e sabato sera. In mezzo, invece, potrebbe rifiatare Sensi inserendo al suo posto Vecino, così come avvenuto nel derby, 

Tra Lazio e Sampdoria ci sarà dunque spazio per turnazioni più massicce rispetto a quelle viste sinora per proiettarsi poi sulla prima settimana di ottobre che tra Champions e campionato può realmente rappresentare un primo snodo cruciale per l'Inter; mercoledì 2 il Barcellona al Camp Nou e domenica 6 la Juve a San Siro, due passaggi intricati che Conte vuole affrontare con la macchina nerazzurra a pieni giri.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments