L'ANALISI

Inter, San Siro scopre Dumfries: l’olandese allontana il fantasma di Hakimi

Un assist e mezzo nella prima da titolare e Inzaghi ammette: “Si sta inserendo meglio del previsto”

  • A
  • A
  • A

"È stata una gran prestazione, quello che ci voleva dopo l’amarezza e la delusione per il risultato di mercoledì”. Simone Inzaghi è raggiante dopo i sei gol rifilati al Bologna a San Siro e si mette alle spalle la delusione Champions con il Real: “Sono contento perché dopo il Madrid c’era un po’ di preoccupazione. La squadra mi è piaciuta, ha reagito con la giusta rabbia e determinazione – ha detto il tecnico, che poi ha speso parole al miele per Denzel Dumfries, grande protagonista della goleada del Meazza - Ha fatto una grande partita. Si sta allenando bene e si sta inserendo più rapidamente del previsto. Sta imparando anche l’italiano”.

Il peso enorme di dover sostituire Hakimi non sembra pesare sulle spalle dell’esterno olandese, che contro il Bologna, alla prima da titolare con la maglia dell’Inter, ha arato la sua fascia, stravinto il duello con il rivale Hickey e collezionato un assist e mezzo. Una prestazione con cui ha già conquistato il Meazza: "Se sto facendo dimenticare Hakimi? Non penso a questo, lui ha fatto molto bene lo scorso anno, io sono molto orgoglioso di essere qui. Sto studiando l'italiano e sto imparando nuove parole. Stasera sono felice. Una bella prestazione dopo il ko con il Real Madrid. Siamo riusciti a rispondere di squadra alla sconfitta in Champions. Le indicazioni di Inzaghi? Sì, dovevo spingere sulla fascia ed è andata bene, come preparato. Sono molto felice di essere qui, i compagni mi aiutano molto".

Ma le buone notizie per Inzaghi non si fermano certo a Dumfries. Contro il Bologna il tecnico nerazzurro ha ritrovato il suo attacco, che viaggia a gonfie vele, addirittura meglio dello scorso anno: il trio Lautaro-Dzeko-Correa batte la "LuLa" 8-7 e i nerazzurri hanno segnato 4 reti in più dello scorso anno dopo le prime quattro giornate di campionato. L’unica nota stonata è il ko di Correa: “Aspettiamo di saperne di più e incrociamo le dita"- ha detto Inzaghi, che spera di avere il Tucu a disposizione in vista del tour de force che vedrà l’Inter in campo praticamente ogni tre giorni fino alla prossima sosta per le nazionali. Il tecnico comunque può tirare un sospiro di sollievo: gli esami strumentali hanno escluso lesioni al bacino, anche se la trasferta di Firenze resta a forte rischio.

Contro i viola toccherà ancora a Edin Dzeko, che è in grande forma e contro il Bologna ha segnato una doppietta che gli mancava da quasi un anno: l’ultima risaliva allo scorso ottobre contro il Benevento con la maglia della Roma.

Vedi anche Inter, Inzaghi: "Temevo questa partita, bravi noi ad affrontarla" inter Inter, Inzaghi: "Temevo questa partita, bravi noi ad affrontarla"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments