VERSO inter-barça

Inter: col Barcellona Lautaro Martinez in bilico, ci sarà Onana in porta

Nessuna lesione per Lautaro, che si è allenato con la squadra, ma si scalda comunque Correa. Handanovic in panchina in Champions League

  • A
  • A
  • A
© Getty Images

L'Inter che ha un bisogno disperato di rialzarsi non sa ancora se avrà a disposizione Lautaro Martinez, che ha finito la partita contro la Roma con un leggero affaticamento: gli esami precauzionali hanno escluso lesioni, il Toro è sceso in campo col resto della squadra per l'allenamento della vigilia, ma resta in dubbio e deciderà Simone Inzaghi se convocarlo o meno per il Barcellona (domani sera ore 21, diretta su Canale 5 e in streaming su Sportmediaset.it). Romelu Lukaku, invece, sarà sicuramente indisponibile: la data del rientro non è ancora chiara e potrebbe andare oltre il Sassuolo. In porta previsto il rientro di André Onana, anche perché Samir Handanovic contro i giallorossi di nuovo non ha convinto.

QUESTIONE LAUTARO - L'argentino sabato aveva lasciato il campo tenendosi la coscia, una prima diagnosi parlava di semplice affaticamento, conseguenza del tour de force partito dall'impegno con la nazionale argentina, proseguito con il viaggio di rientro e chiuso con i 90' contro la Roma. Il Toro spinge per esserci, gli esami di oggi hanno escluso lesioni, l'argentino è sceso in campo con la squadra e ora Inzaghi è in una posizione scomoda: rischiarlo potrebbe essere un azzardo, con una ricaduta poi Lautaro potrebbe dover stare fuori a lungo. D'altro canto all'attacco manca già Lukaku, restano solo Dzeko, che giocherà, e Correa, in attesa di una nuova chance da titolare. "Lui e Gagliardini sono da valutare. Lautaro ha fatto degli esami che non hanno evidenziato nulla, ha chiuso la partita affaticato e farà un allenamento parziale. Vedremo quali saranno le sue condizioni", le parole di Inzaghi.

PORTE GIREVOLI - Dalla parte opposta dello schieramento sembra tutto apparecchiato per il ritorno di Onana tra i pali, in un'alternanza con Handanovic che andrà al più presto sistemata con una decisione definitiva. A proposito, martedì potrebbe rivedersi de Vrij: Acerbi (che tiene comunque vivo il ballottaggio) non è stato il peggiore del terzetto difensivo ma la maggiore esperienza dell'olandese potrebbe far comodo a una retroguardia in difficoltà.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti