VERSO ROMA-BAYER LEVERKUSEN

Roma, De Rossi: "Penso di recuperare Lukaku e Smalling, col Bayer lotta fino all'ultimo"

Il tecnico giallorosso presenta la semifinale di andata contro i campioni di Germania: "Sono più forti di un anno fa. Per loro non è un peso essere imbattuti"

  • A
  • A
  • A

"Lukaku ha pochissimo sulle gambe di allenamento, ma allo stesso tempo ha saltato pochi giorni. Ci prendiamo un altro giorno per valutarlo, ieri ha fatto un allenamento non intensissimo, ma sembrava stesse abbastanza bene. Vediamo oggi, magari spingiamo un pochino di più. Poi decideremo, qualche piccolo dubbio ce l'ho. Smalling? Ha fatto un allenamento in linea con i ritmi, ma l'ha fatto tutto. Spero e penso di recuperarli entrambi, poi vediamo la gestione del minutaggio". Così il tecnico della Roma Daniele De Rossi alla vigilia della semifinale di andata di Europa League in casa contro il Bayer Leverkusen, fresco campioni di Germania. 

Vedi anche No al rinvio con l'Atalanta, per la Roma è un "colpo all'integrità del campionato" Calcio No al rinvio con l'Atalanta, per la Roma è un "colpo all'integrità del campionato"
De Rossi elogia il Bayer: "Hanno giocatori molto interessanti, stimo molto il loro allenatore e hanno molto lavoro alle spalle. C'è tanto da temere e una cosa da rispettare è che sono imbattuti nonostante spesso siano stati in svantaggio - ha proseguito in conferenza stampa - È una squadra che ha raggiunto tenacia e consapevolezza e lotta fino agli ultimi minuti. Anche noi abbiamo giocatori che stanno nella partita fino all'ultimo, altrimenti non avremmo vinto con l'Udinese in quella partita così particolare. È una squadra che ci crede, ha cuore, e quindi entrambe le squadre lotteranno fino all'ultimo secondo. Credo che per loro non sia un peso essere imbattuti, piacerebbe anche a me essere imbattuto. I ragazzi troveranno un Bayer molto diverso da quello che la Roma ha sconfitto l'anno scorso. È una squadra totalmente diversa da quella semifinale, spero che il ricordo a loro dia fastidio ma loro sono nettamente più forti rispetto a un anno fa".

E ancora: "A volte vi soffermate un po' troppo su difesa a tre o a quattro, ma credo che la difesa, se fatta bene, se fatta con protagonisti che sappiano essere difensori ma anche primi attaccanti, è una cosa positiva. Non dico che giocherò con la difesa a tre ma domani vedremo". 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti