Lazio, Inzaghi: "Ci è stato negato un rigore clamoroso"

Il tecnico dopo il ko con il Celtic: "Non sfruttiamo le occasioni"

  • A
  • A
  • A

Mastica amaro Simone Inzaghi: quella con il Celtic suona infatti come una beffa pesantissima, maturata in pieno recupero e probabilmente decisiva ai fini della qualificazione ai sedicesimi di Europa League. Ha vinto ancora il Celtic, ancora in rimonta, ancora secondo il tecnico della Lazio per errori di ingenuità della sua squadra e per la cronica incapacità di concretizzare le occasioni create. Ma anche, ha sottolineato, per un grosso errore del direttore di gara: “L’episodio del mancato rigore pesa, era clamoroso. Ci avrebbe ovviamente permesso di andare in vantaggio. La squadra per spirito mi è piaciuta, ma dovevamo fare il secondo gol ed essere più cattivi".

"Se crei così tanto - ha continuato il tecnico biancoceleste - devi sfruttare tutto, un gol è poco. Andiamo a casa con 0 punti e forse anche dall’Europa. Queste due partite perse ci abbiamo messo del nostro. Ho poco da dire ai ragazzi, che hanno dato il massimo. Il Celtic è una squadra di qualità e che non molla mai. Caicedo? Sia lui che Leiva hanno stretto i tempi. C’era Cataldi squalificato e Correa nemmeno in panchina. Ho dovuto forzare su un paio di giocatori, eravamo contati. Credo però che abbiamo fatto una buona gara. C’è grande rammarico, il girone era difficile ma alla nostra portata”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments