LAZIO-CELTIC 1-2

Europa League: Lazio-Celtic 1-2, biancocelesti quasi eliminati

Biancocelesti avanti con Immobile, poi la rimonta scozzese e la doccia gelata al 95' di Ntcham

di
  • A
  • A
  • A

Nella 4a giornata di Europa League, la Lazio perde 2-1 contro il Celtic ed è quasi fuori dalla competizione. All'Olimpico biancocelesti subito avanti con Immobile (7'), poi un doppio errore di Milinkovic-Savic e Acerbi regala il pari a Forrest. Nella ripresa palo di Luis Alberto, ma gli scozzesi resistono e al 95' trovano il colpaccio con Ntcham dopo un errore di Berisha. Scozzesi ai sedicesimi.

LA PARTITA
Come all'andata, ma più ancora più atroce perché ora per la qualificazione ci vuole un autentico miracolo e non è più nelle mani dei ragazzi di Inzaghi. Al Celtic Park era stato un gol di Jullien all'89' a beffare i biancocelesti, questa sera è stato l'ex Genoa Ntcham al 95' a gelare l'Olimpico e a regalare agli scozzesi la qualificazione ai sedicesimi con due turni di anticipo. Come in Scozia, sono stati gli errori a condannare i capitolini, che sono passati subito in vantaggio con il solito Immobile e per 25' hanno giocato alla grande, mettendo alle corde la squadra di Lennon. Poi al minuto 38' la svolta: Milinkovic sbaglia in uscita (primo errore), Elyounoussi serve Forrest che, agevolato dal mancato intervento di Acerbi (errore numero 2), fa secco in diagonale Strakosha. Il gol galvanizza il Celtic e affloscia i padroni di casa, tanto che la prima parte della seconda frazione è tutta degli ospiti, trascinati da un Edouard incontenibile. A provare a dare la scossa è Immobile (chi altrimenti?), con un tiro intercettato con il braccio dall'ottimo Jullien: in Europa League non c'è il Var e per il tedesco Stieler è tutto regolare. Inzaghi si gioca anche le carte Luis Alberto, Lulic e Berisha, mentre Lennon dà spazio nel finale a Ntcham. La gara a scacchi tra i due allenatori è vinta dallo scozzese, visto che l'ex Genoa firma il gol-qualificazione proprio dopo un errore di Berisha. Al triplice fischio esplode la festa dei 9.000 tifosi biancoverdi, mentre Inzaghi si lecca le ferite: la sua Lazio è sempre terza a -7 dal Celtic e -6 dal Cluj e anche due vittorie nelle ultime due uscite potrebbero non bastare.

LE PAGELLE
Immobile 6,5 - Lui il suo mestiere, che è quello di fare gol, lo fa sempre nel migliore dei modi, anche se avrebbe bisogno anche lui di rifiatare. Non può essere sempre il salvatore della patria.
Caicedo 5 - Non sta bene fisicamente dopo il problema alla spalla rimediato contro il Milan e si vede: lento e macchinoso, aiuta poco alla squadra e viene sempre anticipato da Jullien.
Milinkovic-Savic 5,5 - Da un suo errore in uscita nasce il pareggio del Celtic, dove anche Acerbi ci mette nel suo. Si sveglia solo nel finale con due assist al bacio per Berisha e Luis Alberto. Troppo tardi.

Jullien 7 - Grande prestazione del centrale francese, che annulla Caicedo e salva anche un gol nei pressi della linea. Le palle di testa sono tutte sue. Un'unica sbavatura, il tocco di braccio sul tiro di Immobile che poteva costare ai suoi il rigore
Edouard 7 - Dopo un primo tempo in ombra, si scatena nella ripresa quando diventa imprendibile e incontenibile. Si divora una ghiotta occasione
Brown 7 - Un martello davanti alla difesa. I piedi non sono proprio educati, ma corre per 10 e pressa come un pazzo.

IL TABELLINO
LAZIO-CELTIC 1-2

Lazio (4-2-3-1): Strakosha 6; Luiz Felipe 6,5, Vavro 6 (37' st Berisha 5), Acerbi 5; Lazzari 5,5, Parolo 6, Leiva 5,5 (13' st Luis Alberto 6), Milinkovic 5,5, Jony 6 (13' st Lulic 5,5); Caicedo 5, Immobile 6,5. A disp.: Guerrieri, Patric, Bastos, Adekanye. All.: Inzaghi 5
Celtic (4-2-3-1): Forster 6; Elhamed 6 (38' st Bitton sv), Jullien 7, Ajer 6, Hayes 6; McGregor 6, Brown 7; Forrest 6,5 (44' st Bauer sv), Christie 6 (32' st Ntcham 6,5), Elyounoussi 6,5; Edouard 7. A disp.: Gordon, Taylor, Sinclair, Morgan. All.: Lennon 7
Arbitro: Stieler (Germania)
Marcatori: 7' Immobile (L), 38' Forrest (C), 50' st Ntcham (C)
Ammoniti: Caicedo (L), Brown (C)
Espulsi: -
Note: -

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments