INTER

Inter, Inzaghi: "Avevamo la qualificazione in mano, sconfitta che deve bruciare"

Il tecnico nerazzurro dopo l'eliminazione dalla Champions League: "C'è delusione, ma i ragazzi devono essere orgogliosi"

  • A
  • A
  • A
Inter, Inzaghi: "Avevamo la qualificazione in mano, sconfitta che deve bruciare" - foto 1
© Getty Images

Simone Inzaghi mastica amaro dopo la prematura eliminazione della sua Inter dalla Champions League: "La squadra non è abituata a perdere, ma la sconfitta deve bruciare visto che avevamo la qualificazione in mano - le parole del tecnico a Prime Video -. C'è dispiacere, ma sono super orgoglioso di allenare questo gruppo. Siamo usciti dalla Champions e dalla Coppa Italia ai supplementari e ai rigori, ora mancano 10 partite in campionato e dobbiamo arrivare a un obiettivo molto importante".

Inzaghi ha comunque voluto rincuorare subito i suoi: "C'è delusione, per la società e i tifosi. I ragazzi però devono essere orgogliosi di quanto fatto in Champions, su 8 partite non abbiamo mai perso. Nel secondo tempo dovevamo fare meglio, ai supplementari abbiamo avuto in mano la partita e sbagliato tanto. Non si molla di un centimetro, ho fatto i complimenti ai ragazzi e devono essere fieri di quanto fatto".

Secondo il tecnico ha pesato più qualche distrazione al ritorno che il solo gol segnato all'andata: "All'andata si poteva fare di più, ma la partita era stata fatta. Stasera, una volta trovato il vantaggio, dovevamo stare più attenti in quei minuti lì e invece abbiamo rimesso in partita l'Atletico e il loro pubblico".

Ora è tempo di guardare avanti: "I ragazzi devono andare avanti a testa alta, sapendo che stasera dovevano fare meglio in certi dettagli".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti